FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3909929
Home » Ricerca » CRA: prosegue il confronto con le OOSS su quantificazione Fondi accessorio, Regolamento immobili ad uso abitativo e conto terzi

CRA: prosegue il confronto con le OOSS su quantificazione Fondi accessorio, Regolamento immobili ad uso abitativo e conto terzi

La FLC CGIL chiede al CRA modifiche al Regolamento degli immobili ad uso abitativo secondo principi di equità e pari opportunità e concorre alla definizione certa dei fondi accessori dopo l'accorpamento di INCA ENSE e INRAN.

26/02/2014
Decrease text size Increase  text size

Il giorno 20 febbraio 2014 presso la sede nazionale CRA si è svolto il previsto incontro tra le OOSS CGIL, CISL, UIL, e ANPRI e la delegazione CRA costituita dal Presidente, Direttore Generale ff e la Dirigente Dr.ssa Berti sui punti:

  1. Regolamento per la concessione di immobili ad uso abitativo
  2. Consistenza fondi trattamento accessorio area dirigenziale anno 2013
  3. Consistenza fondi trattamento accessorio area scientifica I°-III° anni 2012-2013
  4. Consistenza fondi trattamento accessorio area tecnico-amministrativa anno 2013
  5. Regolamento conto terzi

Come richiesto dalle OOSS il regolamento sarà rivisto e modificato sulla base delle indicazioni emerse. In particolare per la FLC confermata l’attuale formulazione per gli alloggi di servizio con i relativi abbattimenti in relazione alle mansioni svolte, sono da modificare i criteri per le assegnazioni che prevedevano maggiore punteggi per i redditi più alti, eliminare le riduzioni ingiustificate previste per i Direttori e garantire gli attuali assegnatari la possibilità di mantenere il contratto,in costanza di requisiti, per il periodo temporale di almeno 5 anni rinnovabili, introducendo così un limite temporale che consenta nel tempo a tutti i dipendenti di accedere a questa opportunità.

Il Fondo accessorio del personale Dirigenziale è stato rimodulato sulla base della integrazione del personale già INRAN e ENSE in relazione alla nuova distribuzione degli incarichi avvenuta il 18 giugno 2013. La delegazione FLC ha sollecitato l’ente a corrispondere il saldo 2011 e le annualità 2012-2013 ad oggi bloccate in attesa della prevista certificazione del Fondo. A conferma della gestione quanto meno singolare operata dagli ex-vertici INRAN e ENSE, per esplicita dichiarazione dell’amministrazione per gli anni precedenti al 2013 non era stato costituito alcun fondo per la contrattazione integrativa ne risulta alcuna certificazione degli organi vigilanti. Gli importi, seppur in linea con le previsioni contrattuali, sono stati calcolati indirettamente dal percepito da parte dei singoli fino alla data di immissione nei ruoli CRA del 18 marzo 2013.

Il Fondo trattamento accessorio area scientifica I°- III° anni 2012 è stato quantificato nelle sua totalità in base alle cessazioni e nuove assunzioni e nelle sue attribuzioni per indennità oneri specifici IOS e indennità di direzione IdD. Questo per quanto attiene la quantificazione complessiva, sui criteri della attribuzione dello IOS la FLC ritiene che questi dovranno essere sganciati da presunti criteri di produttività scientifica, ancorché si tratta di importi risibili e poi collegati alla posizione e funzione e non a parametri di valutazione.  Per effetto dei provvedimenti legislativi in materia di riduzione della spesa pubblica nel pubblico impiego (Legge Brunetta 122/2010) il fondo, solo per il 2012 destinato al personale CRA prima dell’accorpamento nella sua entità complessiva non cambia in misura significativa pur essendo destinato ad una platea più ampia a seguito delle nuove assunzioni di fine 2012 che al netto delle cessazioni vede un aumento di 35 unità.

Il Fondo trattamento accessorio area scientifica I°- III° anni 2013 è stato aggiornato con le relative integrazioni derivanti dai Fondi già INRAN ed ENSE, a questo proposito si è rilevata la non coerente contabilizzazione degli importi Indennità Oneri specifici per il personale già ENSE. Su questo punto le OOSS e l’amministrazione hanno assunto l’impegno di procedere alle necessarie verifiche degli atti in possesso. In ogni caso le OOSS hanno esplicitamente chiesto che le eventuali integrazioni necessarie, peraltro di entità irrisoria, dovranno essere a carico del bilancio del CRA subentrando alla precedente amministrazione nell’ambito dei processi di riorganizzazione previsti per legge. La FLC ha sottolineato che il personale in ingresso decorre la data di immissione in ruolo cioè il 18 marzo 2013 è quella da cui decorre il nuovo trattamento.

Il Fondo trattamento accessorio area tecnico-amministrativa anno 2013 come il precedente risulta dalla integrazione complessiva dei relativi Fondi già INRAN e ENSE con la relativa articolazione per indennità di ente annuale e mensile, straordinario, indennità di posizione, indennità di responsabilità e produttività collettiva e individuale. In questo caso la documentazione in alcuni casi seppur parziale consente un’attendibile ricostruzione dei fondi. La FLC ha sottolineato che il personale in ingresso decorre la data di immissione in ruolo cioè il 18 marzo 2013 è quella da cui decorre il nuovo trattamento.

In misura marginale è stato brevemente illustrata e discussa la bozza di regolamento per il conto terzi proposta dall’amministrazione. Nel merito dovrà necessariamente essere affrontato un ulteriore approfondimento. In via preliminare riteniamo necessario evidenziare due aspetti: l’ente deve procedere ad una puntuale verifica nel dettaglio di tutte le attività che già oggi rientrano in questa tipologia di attività: il regolamento  contrariamente a quanto ora proposto deve risultare uno strumento più agile e adeguato a gestire in tempo reale tutti i rapporti con i soggetti esterni, l’attuale formulazione risulta molto farraginosa nei processi autorizzativi e appesantita da eccessivi controlli e verifiche preventive. Per la FLC questo punto è molto qualificante rispetto anche alle stesse opportunità che offre al CRA di stringere sui territori relazioni più strette con i vari soggetti che operano nel settore.

In conclusione la Direzione ha anticipato che avrebbe trasferito alle OOSS le informative relative alla mobilità del personale per l’anno 2013 e i risultati della ricognizione sul personale potenzialmente interessato dai processi di stabilizzazione dello scorso luglio 2013.

Altre notizie da: