FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3886630
Home » Ricerca » CRA: le organizzazioni sindacali incontrano il nuovo Commissario Domenico Sudano

CRA: le organizzazioni sindacali incontrano il nuovo Commissario Domenico Sudano

La FLC ribadisce la sua posizione sulla nomina del Presidente avviata dal Ministro Romano già oggetto dell'intervento del Segretario nazionale presso le commissioni parlamentari

07/11/2011
Decrease text size Increase  text size

Giovedì 3 novembre i sindacati del comparto ricerca hanno incontrato il neo-commissario del CRA Prof. Domenico Sudano.
L'incontro di rito aveva lo scopo di una presentazione reciproca per acquisire, almeno dal parte della FLC, direttamente orientamenti e valutazioni della nuova gestione commissariale succeduta a quella del Prof Paolo Cescon. Trattandosi di un rito, non siamo andati oltre la liturgia. Ancora una volta, come sempre in questo ente di ricerca, i vertici ribadiscono la centralità della ricerca per questo Paese, rinnovano gli apprezzamenti di stima per la qualità e l'impegno delle risorse umane e ribadiscono la volontà di costruire con il personale e le Organizzazioni sindacali un rapporto di stretta e intensa collaborazione, ovviamente al netto del contesto politico-istituzionale e delle scelte governative che nei fatti da oltre tre anni stanno riducendo tutti i settori della conoscenza a mero capitolo di bilancio privandoli di ogni prospettiva.

Nulla di nuovo quindi, nella forma e nella sostanza, oltre alla presentazione dei due sub-commissari Sen. Antonio Coppi, già della precedente compagine e il Dott. Carlo Simeone, delegati rispettivamente agli affari giuridici e alle attività scientifiche e relazioni sindacali.

La nostra delegazione ha ribadito le sue valutazioni già espresse alle commissioni parlamentari, rispetto al percorso di nomina del nuovo Presidente, ora Commissario, avviato in contrasto con lo spirito della legge 454/99 dal Ministro Romano. Abbiamo inoltre espresso, come le altre Organizzazioni sindacali, la necessità di

  • chiudere rapidamente alcune code contrattuali ancora aperte
  • mettere al centro dell'azione del CRA la tutela prima di tutto del personale precario oggi esposto, più di altri, ai processi di ridimensionamento occupazionale.

A margine dell'incontro abbiamo espresso le nostre perplessità per le due comunicazioni rivolte per conoscenza anche al personale, circa le deleghe attribuite ai sub-commissari con modalità quanto meno irrituali, chiedendo una modifica formale dei due provvedimenti.
Oltre al Commissario e ai sub commissari erano presenti, per l'amministrazione, la Dott.ssa Ida Marandola e il Dott. Riccardo Aleandri.

Il successivo incontro è stato fissato al 15 novembre, a tavoli separati, con il seguente ordine del giorno:

  • informativa sulla programmazione triennale di personale - anni 2011/2013;
  • informativa sulle note della Funzione Pubblica concernenti la consistenza finale anno 2010 e la consistenza iniziale anno 2011 del fondo per la produttività collettiva ed individuale del personale dei livelli dal IV all'VIII;
  • modifica dell'ipotesi di accordo sui criteri per la corresponsione della produttività collettiva ed individuale del personale dei livelli IV-VIII per l'anno 2010, e sui criteri per di corresponsione per indennità per oneri specifici connessi all'esercizio dell'attività di ricercatore e tecnologo anni 2009, 2010 e 2011.
Altre notizie da: