FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3819685
Home » Ricerca » CNR - assemblea contro le politiche governative in materia di ricerca scientifica.

CNR - assemblea contro le politiche governative in materia di ricerca scientifica.

Martedì 19 novembre 2002 ore 10:00 sala riunioni sede CNR di via dei Taurini 19 -Roma-

19/11/2002
Decrease text size Increase  text size

CGIL-SNUR
Sindacato Nazionale Università e Ricerca
Coordinamento Nazionale CNR

Contro le politiche governative in materia di ricerca scientifica.
Per la piena applicazione degli articoli 53, 54 e 64 del contratto di lavoro.

_________________________________________________
ASSEMBLEA DEL PERSONALE CNR
MARTEDÌ 19 NOVEMBRE 2002 ORE 10
SALA RIUNIONI SEDE CNR DI VIA DEI TAURINI 19
ROMA
_________________________________________________

Le miopi politiche del Governo in materia di politica della ricerca, anche per la compressione del 2% del contributo di funzionamento del MIUR al CNR (che dato l'aumento dei costi determinati dal rinnovo contrattuale corrisponde ad una compressione reale ben più consistente), corrono il rischio di compromettere, oltre che la possibilità dell'Ente di rispondere alla missione ad esso affidata dal D. Lgs. 19/99, anche l'applicazione dei punti maggiormente innovativi e qualificanti del contratto di lavoro.

Il bilancio preventivo per l'esercizio 2003, per quel che riguarda gli oneri connessi al personale, oltre alle spese per la formazione del personale per il 2003, non comprende:
a) la copertura per il rinnovo contrattuale del 2003;
b) il costo delle assunzioni (sia a tempo indeterminato sia a termine) a carico del bilancio ordinario;
c) le assunzioni da mobilità da altri Enti, non vedenti e disabili;
d) la destinazione a nuove assunzioni dei risparmi derivanti dalla trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

Per quel che riguarda la voce a), unitamente alle spesa per la formazione del personale, l'Ente prevede di effettuare la copertura in fase di assestamento, vincolandone l'effettuazione al fatto che, a seguito dell'approvazione definitiva della finanziaria 2003, il Parlamento incrementi di 150 milioni di euro il fondo indiviso.
Ci auguriamo che la delibera di approvazione del bilancio contenga esplicitamente l'indicazione delle voci da coprire in fase di assestamento.

Sussiste un ulteriore problema, a nostro avviso estremamente preoccupante, in relazione alla prima applicazione dell'articolo 64 del CCNL.
Muovendo da una interpretazione non condivisa, come più volte ribadito, dalla CGIL, l'Ente intende limitarsi a bandire soltanto 75 posti riservati per affrontare il problema delle anomale permanenze di ricercatori e tecnologi. Tale consistenza numerica si basa sull'assunto che dei 198 posti complessivamente autorizzati dal MIUR in base al turn-over computato al dicembre 2001, detratti una cinquantina di posti da destinare al consolidamento di personale impiegato in attività di gestione, soltanto il 50% dei posti rimanenti potrebbero, a giudizio dell'Ente, essere destinati a bandire i concorsi riservati ai ricercatori e tecnologi. È nostra ferma convinzione che i concorsi finanziati dal contratto, in quanto riservati ai ricercatori ed ai tecnologi dell'Ente, non possano in alcun caso essere considerati delle nuove assunzioni.
Inoltre, la cifra stanziata dal contratto offre la possibilità di coprire i costi relativi a più di 500 posti riservati. Malgrado la richiesta alla Funzione Pubblica di un’interpretazione sulle modalità di quantificazione del numero di posti bandibili, il CNR prevede la copertura di bilancio per il 2002 (quindi, a trascinamnto, per il 2003) soltanto per la quota necessaria a finanziare i 75 posti individuati (meno di un sesto di quanto stanziato dal contratto), chiarendo che per il 2003 gli oneri richiesti non sono previsti a bilancio e non fornendo alcuna assicurazione, neanche verbale, circa la possibilità di una manovra correttiva in fase di assestamento. A fronte della consistenza numerica delle "anomale permanenze" (più di 1200 unità tra ricercatori e tecnologi dei livelli III e II), la proposta dell'Ente appare assolutamente inadeguata.
Tali questioni saranno nuovamente poste sul tavolo nel corso dell'incontro "tecnico" fissato per il pomeriggio di lunedì 18 giugno, un giorno prima dell'assemblea alla quale invitiamo i colleghi a partecipare.

p. il Coordinamento Nazionale CNR

Altre notizie da: