FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3861725
Home » Ricerca » CCNL Ricerca 2006/2009, calcolo degli arretrati

CCNL Ricerca 2006/2009, calcolo degli arretrati

Rideterminati gli importi degli arretrati spettanti dopo la sottoscrizione definitiva del 13 maggio 2009.

18/05/2009
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

>> Vai allo speciale Contratto Ricerca <<

Come si vede dalla nostra elaborazione gli importi e gli incrementi calcolati separatamente e congiuntamente, dei due bienni economici 2006-2007 e 2008-2009, confermano il fatto che il II biennio dal punto di vista economico porta ben pochi soldi nelle tasche dei lavoratori. Il confronto fra i tabellari rende evidente che il II biennio è molto inferiore all'incremento del I e che, conseguentemente, questo ha effetto anche sull'ammontare degli arretrati, dove il contributo del II biennio è molto misero.

Si conferma il giudizio negativo di "un contratto a perdere" dato dalla FLC Cgil sul II biennio contrattuale, che non recupera neanche la perdita del potere d'acquisto delle buste paga dei lavoratori causata dall'incremento dell'inflazione del biennio precedente. Questo scenario si fa ancora più fosco alla luce del mancato recupero del taglio del 10% del salario accessorio operato per legge con la 133/08, che pure era stato tanto sbandierato da altri per giustificare la decisione di firmare il II biennio contrattuale.

Tutto questo assume una connotazione ancora più pesante alla luce dei dati OCSE sulle retribuzione degli italiani diffusi ieri, dove si conferma ancora una volta il piazzamento da "bassa classifica" del nostro Paese: 23° su 30. Come sempre il basso costo del lavoro finisce per essere la leva principale della competizione sui mercati mondiali, però con queste retribuzioni c'è poco da rilanciare i consumi interni, soprattutto in tempi di crisi grave come quella attuale. La questione retributiva continua ad essere una priorità, ma le risposte trovate nell'accordo separato sul nuovo modello contrattuale non vanno in questa direzione. In sede di definizione delle piattaforme per i prossimi rinnovi contrattuali bisognerà tenere conto di questi dati!

N. B.
Nelle tabelle trovate anche gli "incrementi medi mensili" e gli "incrementi annuali" relativi sia ai due bienni separati che a alla sommatoria dei due. Sono utili per capire quant'è alla fine l'aumento a regime in busta paga del ccnl.
Gli incrementi medi mensili sono ottenuti sommando ai tabellari mensili la quota mensile dell'IVP per i ricercatori e tecnologi e dell'EAR dei liv. 9, 9.1, 9.2 per l'Enea; mentre per i tecnici e amministrativi al tabellare mensile si somma il rateo dell'IdE, pari ad 1/12 dell'incremento annuo (lo stesso vale per il personale dei livelli 3-8 dell'Enea). L'incremento annuo è ottenuto moltiplicando gli importi mensili, pari alla somma del tabellare e dell'IVP o dell'EAR, per 13; mentre per i tecnici e amministrativi e i livelli 3-8 dell'Enea, è ottenuto moltiplicando il valore del tabellare mensile per 13 e sommando al risultato l'importo dell'incremento annuo dell'IdE.

Roma, 18 maggio 2009