FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3940779
Home » Ricerca » ANPAL: il primo incontro per l'organizzazione dell'ente

ANPAL: il primo incontro per l'organizzazione dell'ente

I sindacati hanno affrontato con i vertici le prime importanti questioni. Nel mese di luglio il prossimo incontro.

27/06/2017
Decrease text size Increase  text size

Comunicato Unitario FLC CGIL – FIR CISL – UIL RUA
ANPAL

Il 21 giugno 2017 si è tenuto un incontro tra il Direttore Generale dell’Anpal Dr. Salvatore Pirrone e le organizzazioni sindacali di categoria come richiesto formalmente da FLC CGIL, FIR CISL e UIL RUA. I temi affrontati hanno riguardato questioni relative all’organizzazione dell’Anpal, alla gestione del personale e al precariato.

Prima di entrare negli argomenti posti all’ordine del giorno, il Direttore Generale dell’Anpal ha comunicato che il MEF ha espresso parere positivo sul bilancio dell’Anpal mantenendone invariati i saldi. Inoltre, il Ministero del Lavoro ha firmato il decreto di trasferimento nei ruoli dell’Anpal dei sette dirigenti precedentemente in forza allo stesso ministero. Per concludere l’iter di trasferimento, è atteso a breve il nulla osta del MEF. Entrando nel merito delle questioni poste dai sindacati nella richiesta di incontro, il Direttore Generale dell’Anpal ha comunicato la conclusione della fase di identificazione dei responsabili dei gruppi di lavoro afferenti alle quatto strutture e alle sette divisioni dell’Agenzia, nonché della procedura di assegnazione del personale alle stesse.

Per quanto riguarda il regolamento di organizzazione dell’Anpal, il Direttore Generale dell’Anpal ha comunicato che è in attesa dell’avallo da parte del Ministero del Lavoro. Le organizzazioni sindacali hanno ribadito la necessità di tener conto, nell’estensione del Regolamento, dell’esistenza di due ruoli distinti all’interno dell’organizzazione dell’Agenzia e in particolare delle specificità del personale di ricerca. Inoltre è stata ribadita la necessità di procedere ad appositi accordi integrativi riguardanti il trattamento accessorio nonché l’attivazione di istituti contrattuali per l’erogazione delle indennità di responsabilità per i livelli I-III. Le organizzazioni sindacali hanno, altresì, evidenziato la necessità di dotare l’Agenzia di un CUG autonomo, secondo quanto previsto dalla normativa in materia.

Riguardo ancora gli aspetti organizzativi, il Direttore Generale dell’Anpal ha informato che entro 30/40 giorni saranno attivati appositi badge e relativi rilevatori di presenze per il personale Anpal in servizio presso la sede di Corso d’Italia. In particolare, i dispositivi di rilevazione delle presenze saranno ubicati all’ingresso principale della sede e al passo carraio di Via Po. Il Direttore Generale dell’Anpal ha inoltre espresso un orientamento verso una soluzione che preveda il congiungimento di Anpal e Anpal Servizi presso la sede unica di Via Fornovo. Tale ipotesi è al vaglio del Ministero del lavoro e il Direttore Generale dell’Anpal non esclude che possa concretizzarsi entro la fine del 2017.

Il Direttore Generale ha evidenziato la necessità di apportare modifiche allo statuto dell’Anpal, per adeguarlo a quanto previsto dal Dlgs 218/2016 e dalle Linee di indirizzo dell’ANVUR.

Sul tema del telelavoro, le organizzazioni sindacali hanno ribadito l’urgenza di affrontare la questione entro la fine del periodo estivo. A tal proposito, il Direttore Generale dell’Anpal ha espresso l’intenzione di istituire un gruppo di lavoro con le stesse OO.SS., per giungere alla stesura di un piano condiviso su telelavoro e smart working e predisporre il relativo bando di attuazione. Da questo punto di vista, le OO.SS. hanno espresso la necessità di tutelare il possesso dei requisiti di accesso al suddetto bando già maturati all’inizio del 2017. Il Direttore Generale dell’Anpal ha comunque assicurato di voler procedere alla proroga dell’istituto del telelavoro per i lavoratori che già ne usufruiscono fino all’emanazione del nuovo bando. Inoltre, al fine di agevolare ulteriormente la pratica del telelavoro, il Direttore Generale dell’Anpal ha proposto la possibilità di utilizzare le sedi locali di Anpal servizi.

In tema di precariato, le organizzazioni sindacali hanno sottolineato che il personale a tempo determinato dell’Anpal è in possesso dei requisiti previsti dalla legge in materia di stabilizzazioni. In questa ottica è importante procedere quanto prima alla stesura del piano dei fabbisogni triennale, secondo quanto previsto dal TUPI da poco approvato. Nel convenire sulla rilevanza del tema del precariato per l’Anpal, per quanto riguarda le risorse economiche, il Direttore Generale dell’Anpal ha quantificato in circa 4 milioni di euro la spesa necessaria per la messa in ruolo dei 51 tempi determinati dell’Anpal. Sotto questo profilo l’ANPAL ha informato che si stanno effettuando tutti i necessari approfondimenti e verifiche sui possibili strumenti finanziari e normativi da utilizzare ai fini della stabilizzazione del personale attualmente con contratto a tempo determinato dimostrando comunque massima disponibilità alla definizione del percorso.

Le organizzazioni sindacali hanno inoltre richiesto che l’Amministrazione si attivi per dare applicazione ai passaggi di fasce dei ricercatori e tecnologi, secondo quanto stabilito dal CCNL in ordine alle procedure di verifica e ai tempi di permanenza.

Prima della fine dell’incontro, il Direttore Generale dell’Anpal ha anticipato che sia la sede di via Fornovo che la sede di Corso d’Italia effettueranno la chiusura estiva durante la settimana di ferragosto. Infine, in merito alla formazione del personale, ha dichiarato che è in corso la redazione di un piano di formazione e che sarà avviata una interlocuzione con l’Inapp al fine di permettere ai lavoratori Anpal ex-Inapp di recuperare le attività formative già programmate nel 2017 e non ancora usufruite a seguito del trasferimento all’Anpal.

Le Parti si sono date quindi riscontro per la convocazione di un prossimo incontro entro il mese di luglio per continuare il confronto sulle diverse tematiche affrontate.

Altre notizie da: