FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3897890
Home » Notizie dalle Regioni » Valle d'Aosta » Aosta » Sciopero 24 novembre 2012: Valle d'Aosta, FLC CGIL e SAVT ÉCOLE confermano la mobilitazione

Sciopero 24 novembre 2012: Valle d'Aosta, FLC CGIL e SAVT ÉCOLE confermano la mobilitazione

La mattina assemblea aperta ad Aosta.

23/11/2012
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa
FLC CGIL e SAVT ÉCOLE

Le Segreterie regionali dei sindacati scuola FLC CGIL e SAVT ÉCOLE confermano la giornata di sciopero di domani, sabato 24 novembre 2012.

Tale scelta è dettata dalla necessità di sottolineare il grave stato di disagio che vivono le lavoratrici ed i lavoratori della scuola pubblica italiana, a causa dei continui e pesanti tagli che impoveriscono la qualità del servizio. Il mancato investimento, o, meglio, il depauperamento del settore Istruzione, Formazione e Ricerca, la progressiva diminuzione dei fondi per il diritto allo studio si ripercuotono sullo sviluppo complessivo del Paese, penalizzando i lavoratori e gli utenti del servizio, famiglie e studenti.

L'accordo raggiunto ieri, 22 novembre, in sede di concertazione al MIUR, secondo cui verranno erogati gli scatti di anzianità a chi li ha maturati nel 2011, non risponde pienamente alle richieste delle OO.SS. perché il meccanismo previsto comporterà la contestuale riduzione di un terzo delle risorse destinate alle scuole per le attività aggiuntive e il salario accessorio di tutti i docenti.
Tale operazione avrà infatti come conseguenza una evidente e prevedibile riduzione dell'offerta formativa agli alunni. FLC CGIL e SAVT ÉCOLE invitano, pertanto, gli insegnanti ad aderire allo sciopero di domani.

FLC CGIL e SAVT ÉCOLE organizzano, contestualmente allo sciopero, un'assemblea aperta a tutta la cittadinanza valdostana per domani - sabato 24 novembre 2012 - alle ore 9.30 al CRAL Cogne, Corso Battaglione, 18 ad Aosta.
Sottolineano la necessità di far pervenire un segnale forte al Ministro, al Governo ed a tutte le forze politiche perché l'Istruzione e la Formazione siano messe al centro dell'agenda politica e per discutere insieme della valorizzazione della professionalità docente.