FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3873549
Home » Notizie dalle Regioni » Toscana » Firenze » I diritti non vanno in ferie: la FLC CGIL di Firenze incontra il Prefetto

I diritti non vanno in ferie: la FLC CGIL di Firenze incontra il Prefetto

La FLC CGIL ha organizzato un presidio insieme a genitori e lavoratori della scuola.

30/07/2010
Decrease text size Increase  text size

Venerdì 30 luglio si è svolto a Firenze un presidio davanti alla Prefettura.

Ad organizzare l'iniziativa la FLC CGIL, caparbiamente impegnata a manifestare la propria contrarietà verso i provvedimenti del Governo, che minano il funzionamento della scuola pubblica tagliando risorse e personale.

Una delegazione formata dal Segretario generale, un docente di ruolo, un docente precario, un collaboratore scolastico e un genitore, è stata ricevuta dal Prefetto al quale ha rappresentato i motivi della protesta e i contenuti di una petizione che ha raccolto in meno di un mese, a scuole chiuse, circa 1000 adesioni.

Il Prefetto si è impegnato a trasmettere tutto il materiale al Governo e ha inoltre confermato la disponibilità ad ulteriori incontri qualora vi fossero nuove richieste.

Alla stampa è stato consegnato anche un comunicato (che pubblichiamo di seguito) sulle risorse aggiuntive per il tempo pieno che il Sindaco di Firenze ha ricevuto dal Ministro Gelmini.

______________

FLC CGIL Firenze
A proposito del Tempo Pieno a Firenze

La FLC CGIL riguardo all'accordo, tra il sindaco di Firenze e il Ministro della Pubblica Istruzione, che prevede l'attivazione di nuove classi a Tempo Pieno, per l'anno scolastico 2010/201,1 per soddisfare le richieste delle famiglie,

premesso che

il Sindaco ha fatto sicuramente l'interesse dei cittadini del Capoluogo

rileva quanto segue:

  • l'amministrazione scolastica non aveva attivato 75 classi a Tempo Pieno necessarie per soddisfare le richieste delle famiglie della provincia di Firenze, per cui l'attivazione di 24 classi risolve parzialmente i problemi perché restano inevase richieste per complessive 51 classi;

  • il Ministro attiva un pericoloso metodo che, attraverso singoli accordi, garantisce diritti differenziati sul territorio; questo potrebbe innescare, nei prossimi anni, una migrazione degli studenti dalle province ai capoluoghi;

  • quell'accordo, in costanza dei tetti agli organici previsti dalla finanziaria, comporterà forzatamente il taglio in altre istituzioni scolastiche o della provincia o negli altri ordini di scuola;

In attesa della realizzazione concreta di quel patto, ribadiamo che l'allungamento del Tempo Scuola, pur rispondendo alle esigenze delle famiglie in relazione alla permanenza degli alunni in un'istituzione educativa, non è sicuramente sinonimo di qualità: l'orario “spezzatino” fatto dai docenti senza la compresenza toglie agli alunni opportunità qualificate di formazione.

Firenze, 30 luglio 2010