FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3953292
Home » Notizie dalle Regioni » Toscana » Arezzo » Sicurezza nelle scuole: 8 novembre ad Arezzo assemblee unitarie in tutte le scuole della provincia

Sicurezza nelle scuole: 8 novembre ad Arezzo assemblee unitarie in tutte le scuole della provincia

Le assemblee saranno tenute dalle RSU di ogni singola scuola e serviranno a fare il punto sullo stato di sicurezza di ciascun istituto.

30/10/2019
Decrease text size Increase  text size

Nell'ambito delle iniziative unitarie lanciate a livello nazionale, ad Arezzo l'8 novembre nelle prime due ore di scuola, si svolgeranno assemblee unitarie in ciascuna delle scuole della provincia (51 Istituti) sui temi della sicurezza. Di fatto in tutta la provincia la scuola comincerà due ore più tardi: le assemblee serviranno a fare il punto sullo stato di sicurezza di ciascun istituto e sul grado di consapevolezza del personale sia sulle prerogative sindacali previste, sia sulle effettive condizioni degli edifici e della organizzazione esistente. Ogni assemblea terminerà con un verbale che sarà inviato alle Istituzioni competenti tra cui i proprietari degli immobili e il Prefetto come massimo garante della prevenzione sul territorio.

___________

Alle R.S.U.

A tutte le Istituzioni Scolastiche
della provincia di Arezzo

LORO SEDI

Oggetto: Assemblea retribuita in orario di servizio in tutte le Istituzioni Scolastiche della provincia di Arezzo nel giorno 08 novembre 2019 dalle 8:30 alle 10:30.

Carissime/Carissimi,

a seguito dei drammatici eventi verificatisi nei giorni scorsi, le scriventi OO.SS. unitariamente hanno deciso di intraprendere a livello Nazionale un'iniziativa volta a segnalare le forti criticità sul piano della Sicurezza Scolastica. In modo particolare nella provincia di Arezzo abbiamo unitariamente deciso di organizzare assemblee retribuite in orario di servizio in tutte le Istituzioni Scolastiche della provincia.

Per dare maggior risalto all'iniziativa, abbiamo ritenuto opportuno che tutte le assemblee debbano essere svolte nello stesso giorno e nello stesso orario in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Questo permetterebbe una “Chiusura totale di tutte le Scuole della provincia” per due ore a costo zero per tutti i lavoratori. Se riusciamo a coordinarci e raggiungere questo obiettivo tutti insieme, il messaggio mediatico verso l'esterno sarebbe di non poco conto.

L'obiettivo che ci prefiggiamo con questa iniziativa è quello di trasmettere all'opinione pubblica, spesso estranea dalla realtà scolastica e quindi suscettibile ad ogni forma di falsa comunicazione, che lo slogan mediatico di qualche anno fa “ci sono più Bidelli nelle scuole che Carabinieri tra i cittadini”, ed i tagli che si sono poi succeduti nel tempo (anche nell'a.s. 2019/2020 sono state tagliate sei unità dall'organico provinciale), hanno generato una situazione attuale al limite della sicurezza per i nostri alunni, figli e nipoti.

Abbiamo scelto la data dell'8 novembre p.v. in modo di permettere a tutte le R.S.U. di presentare richiesta di assemblea entro i termini stabiliti per legge. A breve tutte le Rappresentanze riceveranno il modello predisposto con ordine del giorno comune a tutti. L'orario invece è stato scelto in modo tale che, soprattutto per le classi e sezioni del primo ciclo dove gli alunni sono più piccoli, attraverso le comunicazioni del Dirigente Scolastico alle famiglie, questi possano posticipare l'entrata a Scuola, permettendo così anche ai Docenti di Infanzia e Primaria di partecipare all'iniziativa.

Le assemblee saranno tenute dalle R.S.U. di ogni singola scuola alle quali, a breve, sarà inviato un fac-simile di verbale, che unitariamente stiamo predisponendo e sarà loro di aiuto per la gestione delle medesime. Ultimate le assemblee e una volta compilati i verbali (anche con l'aggiunta di ulteriori segnalazioni dei singoli lavoratori), questi verranno consegnati in copia ai Dirigenti Scolastici delle loro Istituzioni e altra copia alle OO.SS., le quali provvederanno a consegnarne copia ai Dirigenti dell'UST provinciale e dell'USR Toscana, ai Sindaci e al Presidente della Provincia proprietari degli immobili ed infine al Prefetto della provincia di Arezzo.

Questo allo scopo che nessuno un giorno possa dire: “Io non sapevo ...”.

Noi ci impegneremo a dare la massima visibilità dell'evento anche attraverso i media locali e le mail list dei nostri iscritti. A voi spetta l'onere di contattare tutto il personale delle vostre scuole e sollecitarlo alla massima partecipazione.

Arezzo, 28 ottobre 2019

I Segretari Provinciali

FLC CGIL

CISL SCUOLA FSUR

UIL SCUOLA RUA

GILDA UNAMS

Maurizio Tacconi

Brunella Agostini

Valeria Bigiarini

Carlo Schiavone