FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3874513
Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Ragusa » Tagli alla scuola: la Prefettura di Ragusa affronterà la vertenza illustrata dal sindacato

Tagli alla scuola: la Prefettura di Ragusa affronterà la vertenza illustrata dal sindacato

La comprensione e la collaborazione del Prefetto sulla nostra piattaforma ci aiuta a sperare nel buon esito di una vertenza difficile.

10/09/2010
Decrease text size Increase  text size

Il Prefetto di Ragusa, Cannizzo, si attiverà per venire incontro alle richieste che la delegazione di personale scolastico e ATA, guidata dal segretario generale della CGIL di Ragusa, Giovanni Avola e dal segretario generale della FLC CGIL Salvatore Brullo, ha espresso nei giorni scorsi al palazzo del Governo.

Il confronto è avvenuto su dati preoccupanti: 500 unità in meno, nella provincia di Ragusa, tra docenti e personale ATA nel biennio 2009/2010 e 320 in quello 2010/2011.

Questi i punti della piattaforma avanzata dal nostro sindacato:

  • incremento del personale ATA di 70/ 80 unità

  • altrettanti per i docenti di sostegno atteso che la popolazione scolastica è aumentata di 460 unità

  • la revisione dei parametri della secondaria

  • l’indizione di una conferenza di servizio con i sindaci dei comuni della provincia e con il Presidente della provincia per avere un quadro complessivo sulla sicurezza delle aule negli istituti scolastici della provincia.

Il Prefetto si è impegnato a inviare una lettera all’Ufficio Scolastico Regionale con il quale si richiederà un adeguamento del personale scolastico e ATA in riferimento alla situazione locale e tenuto soprattutto conto delle esigenze di sicurezza. Su quest’ultimo versante attiverà una interlocuzione con i Sindaci per avere un quadro della situazione, comune per comune, per capire se rispetto agli obblighi imposti della normativa di riforma sussitono le condizioni di sicurezza per garantire un sereno diritto allo studio. Evitare, insomma, un sovraffollamento delle aule, deleterio per sostenere normali percorsi formativi.

In questa settimana si è aperta una nuova interlocuzione con la CGIL con la verifica degli impegni presi dal Prefetto.

“Aver registrato, commentano Avola e Brullo, l’ampia disponibilità di Sua Eccellenza il Prefetto per le cose che abbiamo chiesto ci appare un grande segno di consapevolezza che i problemi ci sono e sono drammatici. La comprensione e la collaborazione del Prefetto di Ragusa sulla nostra piattaforma ci aiuta a sperare nel buon esito di una vertenza che non è né facile, né sarà breve”.