FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3896918
Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Messina » Università di Messina: assemblea di ateneo il 25 ottobre

Università di Messina: assemblea di ateneo il 25 ottobre

Un'iniziativa che si svolge nell'ambito della settimana nazionale promossa dalle organizzazioni e dalle associazioni universitarie per salvare e rilanciare l'università.

22/10/2012
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Messina

La FLC CGIL di Messina insieme a ANDU, CISL-Università, FLC CGIL, RETE29Aprile, UIL RUA promuovono per giovedì 25 ottobre 2012, ore 10, presso l'Aula "Cannizzaro" una assemblea di Ateneo nell'ambito della settimana nazionale di dibattito e mobilitazione.

I temi al centro dell'assemblea saranno, otre alla Legge 240/2010, che le organizzazioni e le associazioni universitarie hanno più volte contestato, il recente Decreto Legge sulla spending review e il progetto di realizzazione di una Fondazione dell'Università che comporta di fatto il controllo da parte di questa della didattica e della ricerca ed il trasferimento di beni e risorse pubbliche.

Le Organizzazioni e le Associazioni universitarie fanno appello a studenti, docenti e personale tecnico amministrativo e all'opinione pubblica affinché sostengano una battaglia che più di ogni altra può portare al superamento di una crisi che altrimenti risulterà irreversibile.

______________________

ANDU, CISL-Università, FLC CGIL, RETE29Aprile, UIL RUA

Le Organizzazioni e le Associazioni universitarie ANDU, CISL-Università, FLC-CGIL, RETE29Aprile, UIL RUA promuovono giovedì 25 ottobre 2012, ore 10, presso l'Aula Cannizzaro una Assemblea di Ateneo nell'ambito della SETTIMANA NAZIONALE DI DIBATTITO E MOBILITAZIONE.
Le Organizzazioni e le Associazioni universitarie hanno più volte denunciato la condizione

drammatica in cui versa l'Università italiana, aggravata dal recente Decreto Legge sulla spending review.
La Legge 240/2010 si è rivelata in buona parte inapplicabile e funzionale ad una gestione

rigidamente burocratica, centralizzata e verticista degli atenei. Una gestione che si è affiancata alla progressiva riduzione di finanziamenti, di organici, di strutture e percorsi formativi. L'attuale governo invece di intervenire sui limiti e le contraddizioni di quella legge, e di segnare un cambio di passo rispetto al precedente governo, ha ulteriormente ridotto i già limitati spazi di democrazia negli Atenei per mezzo di ricorsi ai TAR su Statuti giudicati "troppo democratici", ha prorogato il mandato dei rettori in scadenza ed ha lasciato accrescere i poteri e le prerogative dell'ANVUR ben al di là del mandato di legge. Se il referendum sull'abolizione del valore legale del titolo di studio voluto dal governo si è dissolto grazie all'opposizione venuta dal mondo dell'istruzione e della ricerca, si porta a compimento lo svuotamento del diritto allo studio con il progressivo aumento della tassazione studentesca e del numero dei corsi a numero chiuso o programmato. Infine, il perdurare del blocco sostanziale delle assunzioni e delle opportunità di carriera rischia di essere aggravato dalla messa in opera di procedure arbitrarie, illogiche e farraginose di abilitazione scientifica nazionale.
Ancora una volta, consapevoli che il Paese e chi opera e studia negli Atenei non possono più tollerare che venga cancellata l'Università pubblica, autonoma, democratica, di qualità e aperta a tutti, torniamo a denunciare il comportamento del ministro Profumo che prosegue nell'opera di smantellamento, e rifiuta il confronto con l'insieme delle rappresentanze del mondo universitario.
È sempre più urgente modificare le norme sull'Università per andare in una direzione opposta e contraria a quella finora seguita e che si vorrebbe continuare a perseguire. Ribadiamo che per questo occorre:

  1. Investire con la massima urgenza e in quantità rilevante sulla ricerca (a partire dalla valorizzazione del dottorato) e l'alta formazione per raggiungere almeno il livello della media europea, nella direzione proposta da "Strategia di Lisbona" e da "Agenda europea 2020". Prevedere il finanziamento del FFO sulla base di dati certi e oggettivi (es. costo standard per studente).
  2. Difendere il valore legale dei titoli di studio, individuando con il mondo universitario politiche capaci di innalzare effettivamente la qualità dell'offerta formativa in tutti gli Atenei. In questa direzione è necessario valorizzare il titolo di dottore di ricerca all'interno e all'esterno dell'Università.
  3. Favorire l'accesso in ruolo dei precari prevedendo un reale turn over. Assicurare reali prospettive di carriera al personale già di ruolo. Procedere nell'immediato all'assunzione dei vincitori di concorso.
  4. Realizzare un vero diritto allo studio, assicurando a tutti gli studenti idonei la borsa di studio, aumentando e migliorando i servizi (biblioteche, aule, laboratori, ecc.) e le condizioni di vita degli studenti (residenze, mense, ecc.). In direzione opposta vanno invece l'aumento delle tasse, l'introduzione dei prestiti d'onore e di altri strumenti di indebitamento, il progressivo ricorso al numero programmato degli accessi. Riteniamo che si debbano urgentemente ritirare i provvedimenti che prevedono l'aumento della tassazione studentesca e che rischiano di determinare un drammatico calo nelle immatricolazioni proprio nelle fasce sociali più debole ed esposte.
  5. Ribadire l'importanza di un organo nazionale di piena rappresentanza e di coordinamento del Sistema nazionale delle Università.
  6. Rivedere l'attuale governance universitaria: in alternativa ai poteri immensi e antidemocratici del rettore e del CdA, è necessario rafforzare il Senato Accademico, direttamente eletto da tutte le componenti, con responsabilità della programmazione, del coordinamento e del controllo. Va inoltre assicurata la piena autonomia finanziaria e gestionale ai dipartimenti.
  7. Introdurre trasparenti meccanismi di reclutamento in ruolo. Garantire l'avanzamento di carriera sulla base di valutazioni individuali nell'ottica di un ruolo unico della docenza, senza distinzioni di diritti e doveri, nel quale comprendere gli attuali ordinari, associati e ricercatori.
  8. Prevedere un'unica figura pre-ruolo a tempo determinato, di breve durata e adeguata retribuzione, con reale autonomia di ricerca e il riconoscimento pieno dei diritti.
  9. Valorizzare le professionalità del personale tecnico-amministrativo, superare il blocco della contrattazione nazionale e del turn over, investire in aggiornamento e formazione.
  10. Respingere a livello locale la realizzazione di una Fondazione dell'Università che comporta di fatto il controllo da parte di questa della didattica e della ricerca ed il trasferimento di beni e risorse pubbliche;
  11. Prevedere la retribuzione da parte dell'Università di Messina della didattica fatta dai ricercatori.

 

Per ottenere tutto questo facciamo APPELLO a studenti, docenti e personale T.A e all'opinione pubblica affinché sostenga una battaglia che più di ogni altra può portare al superamento di una crisi che altrimenti risulterà irreversibile.

 

Messina 20 ottobre 2012