FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3938387
Home » Notizie dalle Regioni » Sardegna » “Dai libri al lavoro, quale futuro per i giovani”, se ne discute a Cagliari

“Dai libri al lavoro, quale futuro per i giovani”, se ne discute a Cagliari

Appuntamento il 29 marzo all’Università di Cagliari con un’iniziativa della CGIL e della FLC CGIL Sardegna.

22/03/2017
Decrease text size Increase  text size

Nell’ambito della mobilitazione per la campagna referendaria e per la Carta dei Diritti Universali del Lavoro, la CGIL Sarda e la FLC CGIL Sardegna organizzano un’iniziativa presso l’Aula Magna della Facoltà di Architettura a Cagliari, in Via Corte d’Appello, per il 29 marzo 2017, con inizio alle ore 16.30.

La CGIL incontrerà i giovani, il mondo della scuola e dell’università, per discutere il tema dell’impatto col mondo del lavoro al termine dei diversi cicli di studio e di formazione e specializzazione.

Quali problemi emergono nell’approccio al lavoro? Quali forme d’impiego potranno essere proposte? Quali tutele esistono contro gli abusi? Come si conciliano formazione e lavoro? Quale può essere il ruolo di supporto da parte della scuola e dell’università in questa fase? Quale ruolo può svolgere il sindacato, il nostro in particolare? Affrontando questi temi di confronto, la Cgil potrà illustrare ai giovani, al personale della scuola e dell’università, a tutti i partecipanti i temi dei quesiti referendari e della proposta di legge popolare per la Carta dei Diritti Universali.

Dopo il saluto del Segretario della ospitante Camera del Lavoro di Cagliari, verranno presentate alcune esperienze da cui la giornalista Monica Magro trarrà spunto per provocare la discussione e sollecitare gli interventi dei partecipanti alla tavola rotonda.

Insieme al Segretario regionale CGIL Michele Carrus, saranno presenti il Segretario generale FLC CGIL Francesco Sinopoli, il Segretario UDU-Unica2.0 Carlo Sanna, il Rettore dell’Università di Cagliari Maria del Zompo e gli Assessori regionali del Lavoro, Virginia Mura, e della Pubblica Istruzione, Giuseppe Dessena.