FLC CGIL
Filo diretto sul contratto

http://www.flcgil.it/@3945935
Home » Notizie dalle Regioni » Puglia » Le RSU di Puglia: una forza che da domani scenderà in campo in tutti i luoghi di lavoro

Le RSU di Puglia: una forza che da domani scenderà in campo in tutti i luoghi di lavoro

Il 17, 18 e 19 aprile 2018 si vota per il rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie.

02/02/2018
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Puglia

Le elezioni per il rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie nei luoghi di lavoro pubblici mai come questa volta, saranno una grande prova di democrazia che coniuga Libertà e Dignità, Libertà e Uguaglianza, delle persone che lavorano nella pubblica amministrazione.

Giovedì 1 febbraio 2018 a Bari, nell’aula “Domus Sapientiae” del Campus la FLC CGIL Puglia insieme alle categorie territoriali, ha dato avvio alla campagna elettorale con una manifestazione dal titolo “Elezioni RSU 2018: per essere protagonista del tuo lavoro” che ha riunito più di 200 candidati tra uscenti e subentranti provenienti dalla scuola, dall’università, dalla ricerca e dall’Afam. Il successo di adesione e partecipazione rappresenta un buon avvio in Puglia per il primo rinnovo delle RSU unificate nell’unico comparto dell’Istruzione e della ricerca.

Presenti, oltre alle segreterie regionali e provinciali di categoria, il Segretario regionale della CGIL Pino Gesmundo e il Segretario generale della FLC CGIL Francesco Sinopoli.

Dopo gli interventi del Segretario generale Claudio Menga e di Pino Gesmundo sul palco si sono alternate le voci dei veri protagonisti di questa giornata, le RSU di tutta la filiera della conoscenza e di tutti i territori che hanno testimoniato e condiviso la volontà di un impegno politico sindacale inedito per alcuni e in rinnovo per altri ma da tutte le candidate e candidati vissuto con un senso di sfida all’interno di una cornice identitaria nuova determinata dalla nuova struttura contrattuale per il cui rinnovo è in corso una difficile negoziazione su cui si è soffermata la relazione conclusiva di Francesco Sinopoli.