FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3914211
Home » Notizie dalle Regioni » Puglia » Bari » L'occupazione dell'Ateneo di Bari dei precari stabilizzandi e delle rappresentanze sindacali

L'occupazione dell'Ateneo di Bari dei precari stabilizzandi e delle rappresentanze sindacali

Il Comitato Direttivo della FLC CGIL di Bari si schiera al fianco di quei lavoratori in lotta per la difesa del proprio posto di lavoro.

28/07/2014
Decrease text size Increase  text size

Oggi, 28 luglio, dalle 6.30 e fino a circa le 9.30 gli accessi dell'Ateneo di Bari sono stati bloccati dai precari stabilizzandi e dai rappresentanti sindacali di FLC CGIL, UIL e USB. L'occupazione, scattata dopo l'incatenamento e "l'affaccio" sul cornicione di uno dei finestroni del cortile dell'Università di venerdì scorso, mira ad alzare il tiro e l'attenzione sulla vertenza dei 21 precari "stabilizzandi", lavoratori che pur avendo maturato il diritto all'assunzione a tempo indeterminato in virtù del superamento di diverse selezioni in anni passati, ora vedono addirittura messa in discussione la propria presenza nell'organico dell'università per i ben noti problemi finanziari e un'interpretazione restrittiva e penalizzante della normativa in materia.

Per questo il Comitato Direttivo della FLC CGIL di Bari questa mattina ha emesso un ordine del giorno col quale esprime massima solidarietà e si schiera al fianco di quei lavoratori in lotta per la difesa del proprio posto di lavoro e dei più elementari principi del diritto del lavoro, ultimamente messi sotto attacco all'Università di Bari come in molti altri luoghi pubblici della conoscenza.

_______________________

ORDINE DEL GIORNO
Massima solidarietà alla lotta in difesa del diritto al lavoro e alla
stabilizzazione dei 21 “stabilizzandi” dell’Università di Bari

Non possono essere i luoghi della conoscenza pubblica quelli che mettono fuori gioco i lavoratori che hanno maturato un sacrosanto diritto alla stabilizzazione del rapporto di lavoro, avendo superato legittimamente e con merito selezioni e concorsi pubblici. Uno sfregio così marcato alla dignità e al rispetto del diritto al lavoro di quanti con impegno, quotidianamente, per oltre 10 anni hanno assicurato la propria dedizione, il proprio apporto professionale al funzionamento dell’Ateneo di Bari nell’interesse di tutti gli studenti/utenti va respinto con decisione.

Per questo il direttivo della FLC CGIL di Bari fa giungere la propria massima e sentita solidarietà a quei lavoratori e quei rappresentanti sindacali che hanno deciso questa mattina di occupare l’Ateneo per lanciare un grido d’allarme sullo stato in cui versa il rispetto di principi fondamentali del diritto del lavoro all’Università di Bari. Infatti, come FLC CGIL di Bari avvertiamo il rischio, dati i tanti recenti precedenti, che l’accanimento sui diritti dei lavoratori coinvolga soltanto transitoriamente in questa fase i lavoratori precari, ma che, come già successo, a stretto giro, potrebbe toccare con altre forme e su altri piani i lavoratori a tempo indeterminato dell’Università di Bari.

Da questa tenace vertenza bisogna ripartire per riaffermare con forza che i diritti fondamentali dei lavoratori alla retribuzione e alla stabilità del lavoro non sono disponibili e non possono essere messi in discussione, tanto più nei settori della conoscenza.

La FLC CGIL di Bari, come sempre, è e sarà al fianco di coloro che, all’Università di Bari come negli altri luoghi pubblici della conoscenza, vorranno difendere i principi fondamentali del diritto e della dignità del lavoro.