FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3897520
Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » Cuneo » Iniziative unitarie sindacati scuola a Cuneo

Iniziative unitarie sindacati scuola a Cuneo

Il 13 novembre 2012 si terranno assemblee autoconvocate dalle RSU in ogni scuola.

12/11/2012
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo di seguito la comunicazione inviata alle scuole di Cuneo per la mobilitazione unitaria di martedì 13 novembre con le assemblee autoconvocate dalle RSU in ogni scuola. Il documento che sarà pubblicato integralmente da "La Stampa" nelle pagine di cronaca cittadina del giorno 13.

Sempre nella giornata di martedì 13 novembre si terrà una conferenza stampa di tutte le organizzazioni sindacali.

_______________

 

FLC CGIL - CISL Scuola - UIL Scuola - SNALS - Gilda FGU
13 ottobre 2012
giornata di mobilitazione della scuola

I lavoratori della scuola, docenti e ATA , della provincia di Cuneo sono in lotta:

  • contro le incursioni legislative sul contratto di lavoro;
  • contro gli interventi sulla scuola del DDL Stabilità e della spending review
  • contro il blocco del Contratto Nazionale di lavoro
  • per il riconoscimento del lavoro che non si svolge in aula;
  • per il recupero degli scatti di anzianità.
  • per la certezza delle risorse del fondo di istituto

Il 13 ottobre tutte le scuole della provincia si riuniranno contemporaneamente in assemblee indette dalle RSU e autogestite insieme ai lavoratori per discutere e far sentire la loro voce attraverso l'elaborazione di documenti e di iniziative.

È un segnale importante che tutti insieme i lavoratori vogliono mandare al Ministero, alle Istituzioni, alle forze politiche perché finalmente si cambi rotta nei confronti della scuola pubblica.
I docenti e il personale Ata esprimono forte preoccupazione e dissenso nei confronti di scelte politiche e misure caratterizzate esclusivamente da tagli alle risorse e al personale, che non rispettano la professionalità e la dignità dei lavoratori della scuola e che hanno portato negli ultimi anni a uno svilimento senza precedenti della scuola pubblica italiana, del diritto allo studio, delle opportunità di lavoro per migliaia di precari.