FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3922285
Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » Cuneo » DDL scuola: Cuneo, iniziative di mobilitazione unitaria

DDL scuola: Cuneo, iniziative di mobilitazione unitaria

Il 30 aprile assemblee autoconvocate che si svolgeranno contemporaneamente in tutte le scuole. Il 5 maggio 2015 sciopero del comparto scuola.

23/04/2015
Decrease text size Increase  text size

FLC CGIL - CISL Scuola - UIL Scuola
SNALS Confsal - GILDA Unams
Cuneo

Nel corso delle assemblee territoriali tenute dal 13 al 17 aprile in provincia di Cuneo sono emerse diverse proposte per iniziative di mobilitazione contro il Disegno di legge Renzi sulla riforma della scuola.

  • Innanzitutto è stato approvato un documento unitario da inviare alla stampa, ai parlamentari e alle commissioni di Camera e Senato e da far circolare nelle scuole.
  • In secondo luogo è stato deciso di organizzare assemblee autoconvocate in tutte le scuole della provincia nello stesso giorno e alla stessa ora, da comunicare anche ai mezzi di informazione, alle famiglie e agli studenti.

Per dar seguito a quella decisione, le segreterie provinciali di FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals, Gilda hanno deciso di organizzare assemblee di istituto in tutte le scuole della provincia giovedì 30 aprile. La durata uguale per tutti sarà di 1 ora: la prima ora di lezione.

Ciascuna scuola potrà liberamente decidere di farla eventualmente di 2 ore.
Le RSU di tutte le sigle sindacali convocheranno l’assemblea unitamente alle segreterie provinciali.
Lo svolgimento dell’assemblea sarà autonomamente gestito dalle RSU e dai lavoratori della singola scuola. Se possibile può essere allargata alla partecipazione di famiglie e studenti.

La traccia dei documenti già approvati in questi giorni a livello provinciale e pubblicati sui siti nazionali potranno essere utili per produrre eventuali comunicati di scuola.

Le assemblee saranno un momento importante per lanciare lo sciopero e la manifestazione del 5 maggio, annunciati nel corso della manifestazione di Roma del 18 aprile.