FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3958157
Home » Notizie dalle Regioni » Molise » In Molise le lezioni riprenderanno tra dubbi e criticità irrisolte

In Molise le lezioni riprenderanno tra dubbi e criticità irrisolte

I sindacati scuola intervengono sull’inizio delle lezioni nella regione.

13/09/2020
Decrease text size Increase  text size
Loghi unitari

In Molise le lezioni riprenderanno
tra dubbi e criticità irrisolte

Assistiamo quotidianamente a livello nazionale a conferenze stampa e dichiarazioni roboanti che tendono a rassicurare tutti sullo stato dell’arte relativamente alla ripresa delle lezioni in sicurezza, ma a pochi giorni dalla riapertura delle scuole la realtà che ci risulta in Molise è diversa. Lavoratori della scuola, genitori, studenti e Dirigenti scolastici, in questi giorni continuano a far emergere dubbi su diversi temi (trasporti, mense, edilizia scolastica, organici) che dimostrano come sia mancato un concreto impegno e una precisa programmazione per consentire la ripartenza di tutte le scuole in sicurezza da parte di chi ha precise responsabilità politiche sul settore.

Per tutta l’estate abbiamo sollecitato, inascoltati, Regioni, Province e Comuni a convocare delle Conferenze dei servizi per raccogliere le criticità e le proposte provenienti dalle scuole, estendendo la partecipazione alle Organizzazioni Sindacali. Dopo l’approvazione del calendario scolastico regionale, occorreva lavorare alacremente per risolvere tutte le problematiche che le OO.SS avevano segnalato in tempi non sospetti (ricordiamo il presidio davanti alla prefettura l’8 giugno e quello davanti alla giunta regionale del 21 luglio). Addebitare ora difficoltà organizzative alle prossime scadenze elettorali ci sembra l’ennesimo scaricabarile: essendo note da tempo le date del referendum, laddove possibile si potevano trovare sedi alternative alle scuole per consentire le votazioni senza interrompere nuovamente le attività didattiche, come fatto da qualche amministrazione comunale.

Intanto, come era prevedibile, quest’anno nelle scuole molisane ci sarà un vero e proprio boom di precari che al di là dei proclami della Ministra, non è stato risolto con le immissioni in ruolo svoltesi in questi giorni. Dai dati in nostro possesso, in Molise dei 311 posti disponibili per le immissioni in ruolo del personale docente oltre la metà resteranno scoperti, mentre un vero e proprio flop è stato il meccanismo della c.d “call veloce”, che a detta del ministero avrebbe dovuto consentire la copertura dei posti liberi da parte di candidati di altre regioni: sui 48 posti accantonati, solo 6 docenti hanno risposto all’appello per venire in Molise.

Non si sono volute seguire le proposte delle OO.SS che avrebbero consentito di ripartire con un organico stabile dando risposte ai precari che da anni stanno garantendo il funzionamento delle scuole, il risultato è che il numero delle supplenze per quest'anno raggiungerà livelli record. Saranno oltre 800 i lavoratori precari nelle scuole molisane: ai circa 350 docenti e 150 ATA che si sta provvedendo a nominare in questi giorni, si aggiungeranno i 337 posti aggiuntivi per l’organico di emergenza attribuiti al Molise (178 docenti e 159 Ata), che dovranno essere individuati e retribuiti con le risorse gestite dalle scuole.

Le Istituzioni Scolastiche, come temevamo, per molti versi sono state abbandonate a se stesse, e lo dimostrano i legittimi dubbi che diversi Dirigenti Scolastici hanno manifestato sulla ripartenza. Una cosa è certa: se si ripartirà lo si deve solo all’enorme lavoro e allo spirito di abnegazione che i lavoratori della scuola (Dirigenti, docenti, personale ATA, personale degli Uffici scolastici) stanno svolgendo in questi giorni, spesso non aiutati da norme e regole affastellate e confuse, che sono il frutto dell’assenza di relazioni sindacali costanti e di oggettive responsabilità da parte del Miur.

Riaprire le scuole è una priorità per il paese, farlo in queste condizioni è una grossa responsabilità politica che chi ha competenze specifiche sul settore si sta assumendo. È necessario che chi ne ha la competenza (Regione, Provincia, Comune) verifichi caso per caso se ci sono le condizioni per assicurare una riapertura in sicurezza per studenti e lavoratori. Da parte nostra, vigileremo con le RSU e con le RLS sul rispetto delle misure e dei protocolli in ogni Istituto, e siamo pronti a intervenire insieme ai Dirigenti scolastici per segnalare e denunciare le specifiche criticità e le responsabilità di quanti rischiano di far iniziare l’anno scolastico in una situazione di grave incertezza.

Servizi e comunicazioni

Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL