FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3929447
Home » Notizie dalle Regioni » Molise » Carta dei Diritti Universali del Lavoro: Molise, al via le assemblee in tutte le scuole

Carta dei Diritti Universali del Lavoro: Molise, al via le assemblee in tutte le scuole

Sarà anche l’occasione per fare il punto della situazione sull’applicazione della legge 107/15, cosiddetta “La Buona Scuola”.

31/01/2016
Decrease text size Increase text size

A cura della FLC CGIL Molise

Per tutto il mese di febbraio si svolgeranno le assemblee che la FLC CGIL ha indetto in ogni scuola del Molise. Scarica il calendario delle assemblee.
Sarà una importante occasione per fare il punto della situazione sulle diverse problematiche che riguardano il mondo della scuola, alle prese con l’applicazione delle pesanti storture ed illegittimità insite nella legge 107/15. Discuteremo del c.d. “bonus”, del comitato di valutazione, delle problematiche del personale ATA, di precariato e nuovo concorso, che sta determinando legittime apprensioni da parte di quanti sono stati esclusi dalle ultime immissioni in ruolo. Sarà anche l’occasione per affrontare i nodi che riguardano la mobilità (in cui si paventano ambiti e chiamata diretta): la trattativa è entrata nel punto cruciale, ed è bene analizzare insieme ai lavoratori le criticità e le soluzioni che si prospettano.

Ma le assemblee, stavolta, ricoprono anche un altro significato. Come è noto, la CGIL è impegnata in tutta Italia, in questi giorni, in una straordinaria consultazione di tutti i suoi iscritti, con assemblee nei luoghi di lavoro e nelle leghe SPI. La consultazione verte sulla Carta dei Diritti Universali del Lavoro, una raccolta di norme destinate a tutto il mondo del lavoro, subordinato e autonomo.

L’obiettivo che ci poniamo è ambizioso: far diventare la Carta dei diritti una legge d’iniziativa popolare, per ridare dignità a tutti i lavoratori e a tutte le lavoratrici. Riteniamo necessario innovare gli strumenti contrattuali preservando quei diritti fondamentali che devono essere riconosciuti ed estesi a tutti, senza distinzione, indipendentemente dalla tipologia lavorativa o contrattuale, perché inderogabili e universali. Diritti che vanno dal compenso equo e proporzionato alla libertà di espressione, dal diritto alla sicurezza al diritto al riposo, ma anche alle pari opportunità e alla formazione permanente, un aggiornamento costante di saperi e competenze.

Discuteremo di questi temi con tutti, a partire dalle altre confederazioni sindacali, ma innanzitutto chiediamo a tutti gli iscritti di pronunciarsi sulla proposta, perché crediamo che il loro punto di vista possa rappresentare davvero un punto di svolta.

La mobilitazione va avanti quindi, per coniugare la difesa della scuola pubblica con la ricostruzione di un diritto del lavoro che parta dalla costituzione, contro i disastri provocati dalle ultime controriforme governative.

Tag: cgil