FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3886982
Home » Notizie dalle Regioni » Marche » Pesaro Urbino » Noi la crisi non la paghiamo: 1000 studenti in corteo a Fano

Noi la crisi non la paghiamo: 1000 studenti in corteo a Fano

Una manifestazione pacifica e colorata ha animato le vie del centro cittadino per oltre due ore.

17/11/2011
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Pesaro Urbino

studenti-pesaro-urbinoLa manifestazione organizzata oggi [17 novembre, ndr] da Circolo giovanile “Salvador Allende”, Rete degli studenti Medi e Collettivo studentesco “Carlo Giuliani” in occasione della giornata mondiale di mobilitazione per il diritto allo studio, ha registrato un’ottima partecipazione, superiore alle aspettative: circa 1000 studenti hanno infatti preso parte al corteo che, muovendo dal Pincio di Fano, ha attraversato le vie del centro cittadino per oltre due ore. Il corteo è partito, numeroso e compatto, con musica, striscioni, bandiere e cori contro i tagli alla scuola pubblica e contro la macelleria sociale in atto nel nostro Paese: “Chi non salta Berlusconi è” lo slogan piu’ gettonato mentre la canzone piu’ quotata è stata in assoluto “Bella Ciao!”. Il corteo è stato invece aperto dallo slogan “NOI LA CRISI NON LA PAGHIAMO! PERCHE’ IL SAPERE NON E’ UNA MERCE E LA PRECARIETA’ NON E’ UNO STILE DI VITA”.

Alla manifestazione hanno partecipato tantissimi studenti e delegazioni provenienti dalle scuole superiori di tutto il territorio provinciale: da Urbino sono arrivati oltre 100 studenti. Gruppi studenteschi anche dalle scuole di Pesaro, Sassocorvaro, Piobbico e Cagli. Durante la manifestazione hanno preso la parola tra gli altri Simona Ricci (Segretaria provinciale Cgil) e Giuseppe Scherpiani (Presidente provinciale ANPI). E’ stato inoltre letto un saluto inviato agli studenti fanesi dagli studenti cileni in occasione della comune mobilitazione internazionale. Al Monumento ai Caduti della Resistenza è stato esposto un lungo striscione contro l’intolleranza e il fascismo e cantata “Bella Ciao”.

La manifestazione è stata molto partecipata, colorata, pacifica e determinata nelle ragioni della protesta.