FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3932901
Home » Notizie dalle Regioni » Marche » Pesaro Urbino » Conservatorio di Pesaro: l'intervento e la protesta della FLC CGIL

Conservatorio di Pesaro: l'intervento e la protesta della FLC CGIL

Contrari alla decisione del conservatorio di procedere alla chiusura dell'unico posto di bibliotecario-docente a favore di un posto di direttore di biblioteca area EP1.

24/06/2016
Decrease text size Increase  text size

La FLC CGIL di Pesaro Urbino e la FLC CGIL nazionale hanno manifestato il proprio dissenso nei confronti dell'intenzione manifestata dalla direzione e dal Consiglio Accademico del Conservatorio di Musica di Pesaro di procedere alla chiusura dell'unico posto di bibliotecario-docente a favore di un posto di direttore di biblioteca area EP1.

Ora, stante il doveroso rispetto dell'autonomia delle Istituzioni e delle competenze attribuite agli organi di governo e indirizzo dal DPR 132/03 e dallo Statuto, corre innanzitutto l'obbligo di richiamare quanto previsto dalla nota ministeriale 8127 del 21 giugno che stabilisce l'impossibilità di chiudere le cattedre uniche.

 Inoltre, in relazione a quanto verbalizzato nella riunione del Consiglio Accademico del 1 giugno scorso, la FLC condivide l'esigenza di ampliare l'erogazione del servizio, ritiene però che  aumentare quantitativamente senza le necessarie e adeguate competenze e professionalità, l'obiettivo non si raggiunga. La Direzione parla di efficacia ed efficienza , siamo perfettamente d'accordo ma per realizzare ciò non si può prescindere dalle figure professionali che cm adeguate competenze sono determinanti per raggiungere gli obiettivi previsti.

Se il Direttore ritiene che sia necessaria una ulteriore competenza amministrativa, (in passato è già stata fatta una conversione a favore del collaboratore di biblioteca, figura tecnica/amministrativa) e per questo propone una unità di EP1- direttore di biblioteca-, non risulta coerente la scelta di sopprimere la cattedra, ovvero la docenza che dá l'impronta culturale e didattica, perché le due competenze sono assolutamente ed esclusivamente complementari. Per le ragioni che in sintesi sono qui rappresentate, la FLC ha chiesto all'Istituzione di rivedere le proprie decisioni richiamando il rispetto delle norme in vigore e la tutela dei docenti interessati alla mobilità sul posto di bibliotecario che a seguito del pensionamento del titolare ora in sevizio, sarà disponibile a partire dal prossimo 1 novembre al Conservatorio di Musica di Pesaro.

Di seguito la lettera della FLC CGIL di Pesaro Urbino.
_____________________________________________________

Al Consiglio Accademico del Conservatorio “G. Rossini”, Pesaro
All'attenzione della Direzione
Alla Direzione amministrativa

La scrivente organizzazione sindacale, letta con preoccupazione sul verbale della riunione del consiglio accademico del 14 c.m. la proposta di conversione della cattedra di Biblioteconomia in posto EP1 di direttore di ragioneria responsabile di biblioteca, manifesta il proprio dissenso nei confronti di una possibile decisione in questo senso, che mette in discussione le legittime aspirazioni di personale già in ruolo e confligge chiaramente con le indicazioni fornite dalla Nota Ministeriale 8127 del 20 giugno 2016, che invita a limitare fortemente le conversioni di cattedre uniche e le conversioni riguardanti il personale amministrativo. Invita pertanto gli organi dirigenti e amministrativi di codesto Conservatorio a soprassedere dalla realizzazione della proposta di conversione in oggetto, nel rispetto delle direttive sopra indicate e delle aspirazioni del personale interessato alle decisioni.

Stralcio verbale: Riguardo alla cattedra di Bibliografia e biblioteconomia (CODM/01), il direttore informa il C.A. della possibilità tecnica di conversione in un posto di profilo amministrativo (EP1) di direttore di biblioteca, in quanto tale profilo, contemplando un obbligo di servizio di 36 h settimanali (a fronte delle 324 annue del docente), potrebbe garantire una maggiore efficienza dei servizi bibliotecari, sia per quanto riguarda la gestione che l’apertura al pubblico. Il C.A. riflette sull’opportunità di tale possibilità e, rilevando problematiche di tipo amministrativo,decide di rinviare l’approfondimento della materia a quando saranno disponibili maggiori informazioni