FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3850207
Home » Notizie dalle Regioni » Lombardia » Milano » La Facoltà di Scienze dell'Università di Milano - Bicocca dice no al DL 112/08

La Facoltà di Scienze dell'Università di Milano - Bicocca dice no al DL 112/08

Documento approvato dal Consiglio della Facoltà.

17/07/2008
Decrease text size Increase  text size

Le iniziative di mobilitazione negli atenei

Nell'ambito della più ampia iniziativa di mobilitazione degli atenei italiani nei confronti dei provvedimenti contenuti nel DL 112/08, pubblichiamo di seguito il documento approvato dal Consiglio della Facoltà di Scienze dell'Università di Milano - Bicocca.

Roma, 17 luglio 2008
_________________

Documento approvato dal Consiglio della Facoltà di Scienze dell'Università di Milano - Bicocca.

Il Consiglio della Facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell'Università di Milano Bicocca, riunito il 16 luglio 2008, esprime la propria profonda preoccupazione relativamente alle disposizioni riguardanti l'Università italiana contenute nel D.L. 112/08. Il Consiglio di Facoltà ritiene che queste misure, mentre sono presentate come volte ad un recupero di efficienza, in realtà danneggino irreparabilmente l'Università nel suo complesso, compresi i suoi numerosi punti di eccellenza riconosciuti a livello internazionale.

Il taglio, nel prossimo triennio, di 500 milioni di euro dal fondo di finanziamento ordinario corrisponde al 25% dei fondi effettivamente disponibili dopo il pagamento degli stipendi. Un taglio di tali proporzioni, su un fondo già largamente insufficiente, renderà impossibile il normale funzionamento della ricerca e della didattica universitaria, considerato anche che esso si somma al taglio del 40% effettuato contestualmente sui Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale.

Il passaggio degli scatti stipendiali di anzianità dei docenti da biennali a triennali ne riduce ulteriormente gli stipendi (già di gran lunga i più bassi tra i paesi progrediti), penalizzando in particolar modo i più giovani: oltre a demoralizzare l'attuale corpo docente, accentuerà quindi ulteriormente il fenomeno della "fuga dei cervelli". La limitazione del turnover al 20% dei pensionamenti azzera inoltre le possibilità di rinnovamento del corpo docente in una fase storica cruciale; azzera le legittime speranze di carriera dei giovani ricercatori da poco entrati nel sistema universitario; azzera le speranze di un'intera generazione di precari della ricerca, vanificando gran parte del fondamentale lavoro da essi svolto. Inoltre, associato all'entrata in vigore del D.M. 270/04, il turnover ridotto comporterà da un lato l'incremento delle ore dedicate dai docenti alla didattica, con un progressivo soffocamento dell'attività di ricerca, e dall'altro una pesante riduzione dell'offerta formativa.

La possibilità data agli atenei di trasformarsi in fondazioni (con un semplice voto del senato accademico) e il conseguente trasferimento a titolo gratuito dell'intero patrimonio degli atenei pubblici in mani private introduce per decreto la privatizzazione dell'università. Ciò potrà avere gravi ripercussioni sul trattamento economico e giuridico del personale (a cominciare dai tecnici-amministrativi) e sulle scelte di indirizzo in materia di didattica e ricerca. Tutto questo potrà portare a un aumento delle tasse universitarie (le fondazioni private non devono rispettare il tetto del 20% sul Fondo di Finanziamento Ordinario dell'Università).

Queste misure attaccano radicalmente ed in modo del tutto immotivato e indiscriminato il sistema universitario italiano, anche per quelle parti che, in base alle valutazioni dello stesso CIVR, svolge ricerca di alto livello. Un intervento finalizzato a migliorare l'attuale sistema universitario è improrogabile ma deve necessariamente scaturire da un confronto del governo con tutte le realtà all'interno dell'università e da una più attenta valutazione degli effetti che provvedimenti frettolosi e unilaterali possono produrre sul medio-lungo periodo.

Al fine di contrastare la conversione in legge del DL 112/08, il Consiglio di Facoltà ritiene urgente e fondamentale avviare un dibattito negli organi collegiali dell'Università che coinvolga anche gli studenti per valutare le forme di protesta più opportune.