FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3960429
Home » Notizie dalle Regioni » Liguria » Istituto Italiano di Tecnologia: negato il confronto con il sindacato

Istituto Italiano di Tecnologia: negato il confronto con il sindacato

Ferma presa di posizione della FLC CGIL Genova e della Liguria.

03/02/2021
Decrease text size Increase  text size

Il CD Direttivo della FLC CGIL Genova e Liguria esprimono preoccupazione per lo stato delle relazioni sindacali in IIT.

Dopo una lunga e paziente attesa, a fronte di sollecitazioni e richieste di incontro, confortate da iniziative col personale e da numerose iscrizioni alla FLC CGIL, da parte della direzione di IIT ci sono giunte risposte che negavano alcun riconoscimento alla nostra organizzazione sindacale e nessun interesse per avviare un percorso di relazioni sindacali.

Tutto ciò è reso ancora più serio dalla incompletezza e farraginosità delle risposte nel merito ai quesiti che abbiamo posto alla direzione IIT: dalla gestione della crisi emergenziale covid 19 e all’attuazione dei protocolli aziendali, fino alla richiesta, negata, di semplice incontro nel quale avremmo potuto evidenziare la favorevole applicazione, per il personale e per l’azienda, di un CCNL di riferimento.

IIT infatti non applica un contratto nazionale, bensì un regolamento interno, peraltro secretato e non di pubblico dominio.

La direzione di IIT ha negato inoltre il diritto di poter essere ascoltati dai lavoratori durante una assemblea di orario di servizio, chiesta da FLC CGIL, ledendo così un diritto democratico di partecipazione e di comunicazione.

Fa specie che un’Azienda così importante a livello nazionale e internazionale con una attività rivolta al futuro, finanziata in misura importante dallo Stato, con centinaia di dipendenti, ritenga di poter fare a meno di normali relazioni sindacali e si rapporti stigmatizzando ogni tentativo di confronto e di dibattito. 

Sarà nostra cura continuare un’azione di sollecitazione, nei confronti e in rappresentanza dei nostri iscritti e di tutti i lavoratori che evidentemente meritano una gestione adeguata e moderna delle relazioni sindacali e non rivolta al passato.