FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3825909
Home » Notizie dalle Regioni » Lazio » Roma » Università di Roma "Tor Vergata": Mozione del Consiglio della Facoltà di Medicina

Università di Roma "Tor Vergata": Mozione del Consiglio della Facoltà di Medicina

Il Consiglio della Facolta’ di Medicina e Chirurgia della Università’ di Roma "Tor Vergata", riunito in data odierna, a seguito della grave situazione che si è venuta a creare con la revoca della sede deliberante alla VII Commissione della Camera per l'approvazione del ddl n.°5980

25/12/1999
Decrease text size Increase  text size

All'On.le Presidente della Camera dei Deputati
On.le Luciano Violante

Il Consiglio della Facolta’ di Medicina e Chirurgia della Università’ di Roma "Tor Vergata", riunito in data odierna, a seguito della grave situazione che si è venuta a creare con la revoca della sede deliberante alla VII Commissione della Camera per l'approvazione del ddl n.°5980 (Istituzione della terza fascia del ruolo dei professori universitari e altre norme in materia di ordinamento delle università

Considerato:

che il permanere dei ricercatori nell'attuale ruolo, privo di un proprio stato giuridico, ma che tuttavia si è andato modificando nel tempo per interventi legislativi occasionali e slegati fra di loro determinerebbe un grave stato di disagio di una importante componente accademica;

che il futuro assetto della docenza previsto dal ddl Zecchino, articolato solo su due fasce di professori con gli attuali ricercatori trasformati in docenti di terza fascia e messi ad esaurimento ed una formazione alla docenza universitaria attraverso i contratti di tirocinio che configurano forme precarie per tempi lunghissimi che certamente non gioveranno ad avvicinare e trattenere i migliori giovani studiosi alla carriera universitaria;

chiede

che il provvedimento sulla istituzione della terza fascia venga rapidamente calendarizzato ed approvato, sia perché sarebbe un doveroso riconoscimento nei confronti di coloro che, come ricercatori, hanno profuso il loro impegno nel portare avanti la didattica e la ricerca nell'Università, sia per contrastare l'ipotesi governativa di allungamento dei tempi di formazione precaria nell'Università