FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3947275
Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Parma » Liceo Porta-Scuola Santa Rosa di Pama: scongiurati 38 licenziamenti

Liceo Porta-Scuola Santa Rosa di Pama: scongiurati 38 licenziamenti

Approvato all'unanimità l’accordo sindacale per il mantenimento dei posti di lavoro. FLC CGIL: soddisfazione per la rappresentanza sindacale costituita all’interno dell’Istituto.

18/05/2018
Decrease text size Increase  text size

Dopo aver bloccato l’iniziale procedura di licenziamento collettivo per 38 dipendenti dell’Istituto scolastico Porta-Santa Rosa, riunite il 17 maggio in assemblea le organizzazioni sindacali FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola e SINASCA hanno illustrato alla platea dei lavoratori i punti dell’accordo sindacale che prevede invece il trasferimento ad altro ente, l’applicazione del CCNL Agidae ed il mantenimento di tutti i posti di lavoro.

L’assemblea ha approvato all’unanimità l’accordo firmato dalla FLC CGIL, CISL SCUOLA e SINASCA.

Costituita anche una rappresentanza sindacale all’interno del luogo di lavoro, con 3 RSA della FLC CGIL e 2 della CISL Scuola.

I sindacati coinvolti esprimono grande soddisfazione per l’accordo raggiunto con la controparte datoriale, ottenendo non solo il pieno mantenimento dei posti di lavoro, ma anche una serie di agevolazioni che il perimetro negoziale ha saputo guadagnare a favore dei dipendenti, come ad esempio la precedenza per le assunzioni di tutti i lavoratori a tempo determinato per incarichi anche a termine di cui l’Istituto necessiterà all’avvio del nuovo anno scolastico. Mantenuta anche l’applicazione del CCNL Agidae, oltre al riconoscimento dei diritti economici e giuridici acquisiti prima del trasferimento d’azienda previsto al 1° settembre 2018.

Il segretario generale della FLC CGIL provinciale, Salvatore Barbera, segnala che “per la prima volta la nostra organizzazione di categoria ottiene una solida rappresentanza, con ben tre RSA. Base di partenza per portare anche in questo luogo di lavoro, dove non era presente una nostra rappresentanza, le rivendicazioni di categoria e confederali della CGIL”.