FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3907167
Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Modena » Sicurezza delle scuole: il Liceo Sigonio di Modena è la punta dell'iceberg

Sicurezza delle scuole: il Liceo Sigonio di Modena è la punta dell'iceberg

L'iniziativa unitaria dei Sindacati e dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

21/11/2013
Decrease text size Increase  text size

FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola di Modena, a conoscenza dei fatti accaduti al Liceo Sigonio, si sono prontamente attivati per ottenere le garanzie necessarie sulla sicurezza e agibilità dell’istituto modenese oggetto alcuni giorni fa di crollo di pezzi di intonaco dal soffitto di un’aula.​

E' stato convocato il coordinamento degli RLS (Rappresentanti Lavoratori per la Sicurezza) delle scuole modenesi per esaminare la situazione.
Nel frattempo i Sindacati hanno richiesto assicurazioni all’Amministrazione Comunale di Modena che ha ribadito che non ci sono danni strutturali, ma solo di intonaco; comunque hanno richiesto un incontro all’Amministrazione stessa per avere garanzie scritte al fine di tutelare la sicurezza sia del personale della scuola che degli studenti.

Si stanno anche convocando assemblee con i docenti e il personale Ata dell’istituto per informarli sulla normativa di sicurezza degli edifici scolastici (Dpr 81/08).

È stato inoltre richiesto un incontro con il dirigente scolastico dell’istituto Selmi a cui fa capo la responsabilità di formare e aggiornare sia gli Rls che gli Rspp (rappresentanti sicurezza datoriali), per fare il punto della situazione sul finanziamento dei corsi di formazione, sull’aggiornamento della documentazione in possesso delle scuole da consegnarsi obbligatoriamente agli Rls.

Oltre al “caso Sigonio”, preoccupa i sindacati la situazione generale dell’edilizia scolastica a Modena e provincia. Lo ha rimarcato il gruppo intersindacale sulla sicurezza nelle scuole, costituito da FLC CGIL, Cisl Scuola e Uil Scuola, nell’incontro con Paolo Davoli, referente per la formazione sulla sicurezza della rete delle scuole della provincia di Modena; erano presenti anche le RSU del Liceo Sigonio.

ur prendendo atto dell'impegno profuso nella formazione, i sindacati sottolineano i problemi ancora irrisolti di sicurezza nelle scuole.

Da una ricerca resa pubblica nel 2012 risulta che solo la metà degli edifici scolastici modenesi ha il certificato di prevenzione incendi, mentre il 40 per cento non possiede quello di conformità edilizia o di agibilità. In compenso in tutte le scuole si effettuano ogni anno le prove di evacuazione che, tuttavia, a causa delle dimensioni delle classi producono uno stress notevole su insegnanti e studenti. Nella maggior parte delle scuole le aule non sono adeguate all’elevato numero di alunni, che in taluni casi supera addirittura le trenta unità, a fronte di un massimo di 25 alunni stabilito dalla normativa.

Dalla ricerca emerge anche un rapporto difficile tra i responsabili della sicurezza e il personale scolastico, una scarsa considerazione della figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, frequenti casi di sovraffollamento nelle classi, insufficiente comunicazione tra i diversi plessi della stessa scuola. Alcuni edifici scolastici hanno armadi non ancorati, porte con vetrate, aperture di finestre pericolose, problemi di controllo dell’aerazione; in alcuni casi i dirigenti scolastici sottovalutano le problematiche di sicurezza segnalate dai lavoratori. I docenti lamentano, inoltre, un aumento dei carichi di lavoro, soprattutto nella primaria, mentre tra il personale ata si registra un aumento degli infortuni. I sindacati denunciano che, nonostante la sicurezza dell’edilizia scolastici rappresenti un’emergenza nazionale, a Modena manca un’anagrafe completa sulla situazione edificio per edificio. ​

«Bisogna innanzitutto superare la cultura dell’emergenza e sviluppare una metodologia d’intervento basata sulla programmazione. Serve, inoltre, maggiore informazione e formazione rivolta a tutte le persone che vivono nella scuola, dai dirigenti agli studenti. È necessaria, infine, – concludono FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola – una più stretta collaborazione tra gli enti locali, proprietari degli edifici, e le istituzioni scolastiche a tutti i livelli».