FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3876525
Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Il contratto non si tocca (2): documento unitario delle Organizzazioni sindacali dell'Emilia Romagna

Il contratto non si tocca (2): documento unitario delle Organizzazioni sindacali dell'Emilia Romagna

Dopo il documento delle Organizzazione sindacali sarde anche in Emilia Romagna s procede con una lettera unitaria di diffida.

07/11/2010
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo il documento unitario delle organizzazioni sindacali regionali dell'Emilia Romagna sulla contrattazione di istituto.

Tale iniziativa segue la lettera-diffida inviata dai sindacati sardi sul medesimo argomento.

___________________

 

FLC CGIL - CISL Scuola - UIL Scuola - SNALS Confsal - F.G.U. Gilda
Emilia Romagna

Ai dirigenti scolastici delle/degli scuole/istituti della Emilia Romagna
Al Direttore generale dell'U.S.R. dell'Emilia Romagna
Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali

Oggetto: contrattazione di istituto - diffida

Le scriventi organizzazioni sindacali FLC CGIL, la CISL Scuola, la UIL Scuola, lo SNALS Confsal e la F.G.U. Gilda dell'Emilia Romagna, ritengono necessario affermare con chiarezza la piena ed integrale vigenza e effettività del CCNL2006-2009 per il Personale dipendente dal Comparto Scuola, con particolare riguardo alla Contrattazione Integrativa a livello di Istituzione Scolastica.

Ad oggi sono pervenute alle scriventi OO. SS. numerose segnalazioni in merito al mancato avvio della contrattazione d'Istituto. Tale comportamento sta impedendo nelle scuole dell'Emilia Romagna l'effettuazione della contrattazione ed in alcuni casi anche la semplice apertura delle trattative sulle materie previste dall'art. 6 e da altri articoli del vigente CCNL.

Si tratta di un'errata interpretazione ed applicazione del D.Lgs n. 150/2009, sostenuta da alcuni Dirigenti Scolastici, ma rigettata da numerose e recenti sentenze giudiziarie, per le varie amministrazione pubbliche e, persino, da una non equivoca presa di posizione formale dello stesso MIUR.

Senza riprodurre il dettato normativo del fondamentale articolo 6 del CCNL, alla cui attenta lettura si rimanda, sottolineiamo come le materie della organizzazione del lavoro, dell'articolazione dell'orario di lavoro, della utilizzazione del personale, delle assegnazioni, dei diritti sindacali e individuali, dell'utilizzo del FIS, siano il cuore della contrattazione di istituto anche dopo l'entrata in vigore del Decreto Legislativo citato.

Come organizzazioni sindacali, non accettiamo che venga conculcato in alcun modo l'esercizio della pratica contrattuale e delle altre modalità di relazione sindacale nelle scuole, né che si tenti di ridurre il ruolo fondamentale delle RSU ed i diritti delle organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL.

Sottolineiamo altresì, che l'adozione di provvedimenti unilaterali su materia di contrattazione determina una lesione illegittima ed intollerabile delle prerogative sindacali, oltre che dei diritti del personale della Istituzione scolastica.

La FLC CGIL, la CISL Scuola, la UIL Scuola, lo SNALS Confsal, la F.G.U. Gilda dell'Emilia Romagna pertanto,

diffidano

i DIRIGENTI SCOLASTICI competenti, dal mettere in atto comportamenti antisindacali. Chiedono di dare immediato corso alle procedure di contrattazione, eliminando ogni artificioso impedimento ed incomprensibili comportamenti dilatori.

Le scriventi OO.SS. pongono, altresì, in capo al Direttore Generale dell'U.S.R. dell'Emilia Romagna e dei Dirigenti degli Ambiti Territoriali, una responsabilità in ordine alla diffusione nelle scuole della nostra regione di simili pratiche antisindacali e di esplicita violazione delle norme vigenti previste nel CCNL.

In considerazione di tutto ciò le scriventi OO.SS. chiedono l'immediata convocazione della Commissione Bilaterale Regionale incaricata dell'assistenza, del supporto e del monitoraggio delle Relazioni Sindacali di cui all'art. 8 del C.I.R. del 09/12/08.

Le scriventi OO.SS. s'impegnano fin d'ora a dare immediato corso, se necessario, ad azioni giudiziarie collettive, volte a sanzionare i comportamenti antisindacali e ripristinare in primo luogo i diritti contrattuali.

Bologna, 5 novembre 2010.

FLC CGIL - Raffaella Morsia
CISL Scuola - Anna Cicognani
UIL Scuola - Domenico Cassino
SNALS Confsal - Gianfranco Samorì
F.G.U. Gilda - Antonio Bonfrisco