FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3899098
Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Bologna » Centri ENEA dell'Emilia Romagna: la denuncia della FLC CGIL

Centri ENEA dell'Emilia Romagna: la denuncia della FLC CGIL

Il nostro sindacato ha promosso una petizione per denunciare la situazione di difficoltà. Consegnate in prefettura le firme.

16/07/2012
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Bologna

Il 16 luglio 2012 una delegazione composta dalla segretaria della FLC CGIL Bologna Francesca Ruocco e dal Segretario della Camera del Lavoro di Bologna Danilo Gruppi e da quattro dirigenti sindacali ENEA Bologna, Alfio Musumeci, Cristiano Novelli, Roberto Pergreffi e Simona Scalbi si è recata in Prefettura a consegnare la petizione, con 128 firme dei dipendenti, in cui si segnalava la difficile e incerta situazione dei laboratori e si chiedeva che la situazione venisse “risolta in maniera certa con una soluzione di medio periodo che fornisca tutte le garanzie per la salvaguardia e l’espansione delle attività scientifiche e con il fine di poter fare transitare le strutture laboratoriali mantenendo dimensioni, funzionalità, continuità operativa e ricadute occupazionali”.

La delegazione è stata ricevuta dal Capo di Gabinetto del Prefetto a cui è stata consegnata la petizione con le firme in originale, per la trasmissione ai ministeri competenti, ed è stata presentata la situazione della sede ENEA di Bologna in tutta la sua criticità dando particolare rilievo al problema della chiusura dei laboratori a seguito dello scadere della proroga di affitto del Palazzo C. È stato spiegato che questo comporterebbe l'interruzione della attività di laboratorio e che l'incertezza sul futuro dell’operatività dei laboratori crea anche problemi per la partecipazione a cordate per nuovi bandi di progetti europei, si è anche segnalata l'incertezza dei precari assunti per il progetto tecnopolo che per altro sono stati sotto inquadrati. Infine, Danilo Gruppi ha chiesto, oltre la consegna delle firme al ministro, che il Prefetto di Bologna si attivi per creare un tavolo tra le istituzioni: Regione, Comune, ENEA e parti sociali per affrontare questa situazione di indeterminatezza che vede sempre come obbiettivo finale il tecnopolo, ma che non sa dare una data di approdo a questa soluzione, in modo da trovare una soluzione certa e di operatività per i laboratori in questa fase di transizione.

Il Capo di Gabinetto si è impegnato ad informare al più presto il Prefetto di questo incontro e della richiesta del tavolo, invitando la delegazione a richiamare a fine agosto per avere i dovuti aggiornamenti.

All'uscita c'erano diverse televisioni e giornali (TG3 regionale, Telesanterno, Radio Città del Capo, Radio Fujiko, la Repubblica, l’Unità, ADNKronos, DIRE) che hanno intervistato i rappresentanti FLC CGIL. Una delle interviste può essere ascoltata a questo indirizzo.

Altre notizie da: