FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3872945
Home » Notizie dalle Regioni » Campania » Università Federico II di Napoli, Massimo Marrelli eletto nuovo Rettore

Università Federico II di Napoli, Massimo Marrelli eletto nuovo Rettore

Marrelli eletto in prima votazione. Per la FLC Campania, un ottimo risultato che apre la strada a una riforma dell'ateneo napoletano.

05/07/2010
Decrease text size Increase  text size

Il prof. Massimo Marrelli è il nuovo Rettore dell'Università Federico II di Napoli.

A lui la FLC CGIL provinciale e regionale esprime i più sinceri auguri per un incarico impegnativo che prende avvio in uno dei momenti più difficili per l'intero sistema universitario italiano.

L'elezione del nuovo Rettore - si legge nel comunicato congiunto della FLC CGIL Campania e di Napoli - conclusasi già in prima votazione, è indice della stima che il corpo accademico ha verso il prof. Marrelli. Ed è segno della consapevolezza diffusa che per affrontare le difficoltà del momento è necessario l'impegno di tutti. Bisogna chiudere nel più breve tempo possibile una fase transitoria per avviare un percorso di riforma dell'ateneo napoletano.

La FLC CGIL - prosegue il comunicato - chiede al nuovo Rettore di farsi espressione del malessere di tutte le componenti universitarie verso le politiche di questo Governo e di assumere un ruolo attivo nel contrasto verso scelte di sottofinanziamento e di ridimensionamento del sistema universitario, di precarizzazione del lavoro e della ricerca, di tendenziale riduzione della dimensione pubblica del sistema italiano dell'Università e della Ricerca.

È necessario dare avvio all'impegno assunto in campagna elettorale a favore di un percorso condiviso di autoriforma dell'organizzazione dell'Università Federico II e della composizione e delle prerogative dei suoi organi di governo.

La FLC CGIL - conclude il comunicato - è decisa a partecipare positivamente agli sforzi di riforma e qualificazione dell'ateneo, contribuendo al pieno coinvolgimento di tutti i lavoratori in questo difficile percorso. Bisogna garantire la natura pubblica dell'ateneo, ma anche la qualità dei suoi servizi e della didattica, tutelando i diritti di tutti i lavoratori e degli studenti.

Roma, 5 luglio 2010