FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3957952
Home » Rassegna stampa » Nazionale » "Siamo stufi di fare i tappabuchi" Sit-in dei precari contro la Azzolina

"Siamo stufi di fare i tappabuchi" Sit-in dei precari contro la Azzolina

I professori davanti a Montecitorio e sotto il ministero: "Chiediamo di essere stabilizzati"

03/09/2020
Decrease text size Increase text size
La Stampa

Niccolò Carratelli

Roma

«Sono un precario delle 18 ore, oh che calvario fare il professore». Un po' rap aggressivo, un po' canzone d'autore, intonata davanti a Montecitorio da un gruppo di giovani docenti. Sono alcune centinaia, arrivati da varie regioni per due sit-in, prima di fronte alla Camera, poi davanti al ministero dell'Istruzione. Al collo hanno cartelli con scritto "non siamo insegnanti usa e getta". Ogni anno presi come tappabuchi e poi scaricati a giugno. Sono quelli dei "36 mesi", da più di tre anni in servizio come supplenti, con l'obiettivo di arrivare prima o poi all'agognata stabilizzazione. È questa la parola magica, quella che scandiscono in coro in mezzo a viale Trastevere, sotto le finestre di Lucia Azzolina. «Lei che quando era insegnante e sindacalista denunciava la vergogna di questo sistema – dice un'agguerrita precaria campana – ora è lei a perpetrarlo». C'è chi prova a dare un consiglio alla ministra: «Visto che molte graduatorie sono esaurite e non riesce ad assumere quanto vorrebbe, potrebbe buttare dentro subito noi», dice provocatoria Stefania Senesi, insegnante di Lettere in provincia di Cuneo. «Le nostre nuove Gps invece sono tutte sballate, a me hanno tolto dei titoli – denuncia – e da quest'anno non si può chiedere la rettifica con posta certificata per riavere i punti,

dovremo fare ricorso al Tar, spendere i soldi e avere ragione chissà quando».

La sensazione ricorrente è la mancanza di rispetto: «Vorrei un percorso che valuti le mie competenze, la mia capacità di insegnare – spiega Alessia Scatena, 40enne di Lucca, professoressa di matematica – questo concorso è solo nozionistico, l'esperienza non conta nulla». Tra l'altro, il concorso straordinario che li riguarda non ha ancora una data: «L'hanno rimandato più volte, ora si parla di ottobre, ma chissà – sospira Andrea Caretti, 45 anni, insegna psicologia a Firenze – Per noi che già lavoriamo e dobbiamo preparare le lezioni, specie se a distanza, il tempo per studiare è poco. Magari arriva un giovane neolaureato e mi frega». A pochi metri lo ascolta l'ex ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti, venuto in piazza per dire che lui «voleva cambiare le cose e non gliel'hanno permesso, perché non ha accettato la scarsa volontà di investire sulla scuola». I docenti precari lo guardano perplessi, «è venuto a pontificare», si lascia sfuggire qualcuno. Va peggio, però, al senatore leghista Mario Pittoni, allontanato al grido di «fuori la Lega dalla piazza».

Cavalcare la protesta può essere pericoloso, «perché siamo incavolati e ci sentiamo presi in giro», ammette Enrico Martello, 35enne di Brindisi. Lui è insegnante di musica e non ha gradito nemmeno il no del Comitato tecnico-scientifico alle lezioni di canto, per il rischio droplet: «In classe si può stare in 25-30 tutti insieme, ma non si può cantare – dice – invece servirebbe una massiccia campagna di assunzioni, per far scendere a 15 il numero degli studenti per aula. È questo che dà sicurezza». —


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL