FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3928679
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, ok del governo al concorso per professori: 63.712 posti

Scuola, ok del governo al concorso per professori: 63.712 posti

I ministri della Funzione pubblica e dell'Economia hanno firmato il decreto che autorizza il Miur ad avviare le procedure per il reclutamento, nel triennio scolastico 2016-2018

30/12/2015
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

ROMA - Via libera del governo al concorso per assumere professori nella scuola. I ministri della Funzione pubblica, Marianna Madia, e dell'Economia, Pier Carlo Padoan, hanno firmato il decreto che autorizza il Miur ad avviare le procedure per selezionare 63.712 insegnanti nel triennio scolastico 2016-2018. Saranno 52.828 docenti comuni, 5.766 docenti di sostegno e 5.118 posti di potenziamento. Gli insegnanti assunti attraverso il prossimo concorso verranno utilizzati per coprire i posti vacanti e disponibili nel prossimo triennio, quelli lasciati liberi dai pensionamenti e quelli residuati dopo le operazioni previste dal piano straordinario di assunzioni.

A prevedere il concorso - il cui bando dovrebbe arrivare a fine gennaio - è la legge 107 sulla Buona scuola. "Nel triennio 2016-2018 oltre 93mila insegnanti saranno assunti a tempo indeterminato" ha detto il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, confermando che "il concorso si terrà questa primavera e a settembre avremo le prime assunzioni". "Nei prossimi giorni firmerò il decreto sulle prove, altro passo che ci porta verso l'emanazione dei bandi, che saranno tre: uno per infanzia e primaria, uno per la secondaria di I e II grado e uno per il sostegno - ha aggiunto Giannini - . Le 63.712 assunzioni che faremo nel triennio 2016/2018, per la copertura dei posti vacanti e disponibili si sommeranno, nello stesso arco temporale, ad altri 30.000 posti, anch'essi vacanti, che saranno assegnati ai docenti rimasti nelle Graduatorie provinciali (Gae) che non sono andate esaurite con il piano straordinario di assunzioni di questa estate".

Il decreto Madia-Padoan prende atto del fatto che, dopo il piano straordinario di assunzioni, le graduatorie a esaurimento di alcune classi di concorso nella scuola secondaria di primo e secondo grado risultano esaurite a livello nazionale o presentano un numero di iscritti tale da non consentire la copertura dei posti disponibili.