FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3959154
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, le istruzioni del ministero: tutti i casi in cui le lezioni restano in presenza

Scuola, le istruzioni del ministero: tutti i casi in cui le lezioni restano in presenza

Una nota del ministero circoscrive le eccezioni alla didattica a distanza al 100%: convittori, figli di sanitari, piccoli gruppi di supporto ai ragazzi disabili, alunni senza Pc

06/11/2020
Decrease text size Increase text size
Il Sole 24 Ore

Eugenio Bruno

Da oggi al 3 dicembre 4 milioni di studenti italiani tornano alle lezioni a distanza. Ma in poche e motivate eccezioni la scuola resta in presenza. A indicarle è una nota del ministero dell'Istruzione che fa il punto sulle novità introdotte dall'ultimo Dpcm del governo. Della “short list” fanno parte i “convittori”, i figli dei medici e del personale sanitario e i piccoli gruppi di alunni che faranno eventualmente compagnia ai ragazzi con disabilità o con bisogni educativi speciali. Oltre a quelli privi di Pc o tablet.

I convitti prima eccezione alla regola della Dad al 100%

Nel sottolineare che dal 6 novembre al 3 dicembre la didattica a distanza (Dad) al 100% sarà la regola per gli studenti delle superiori e, nelle zone rosse, per gli alunni di seconda e terza media, la nota a firma del capo dipartimento Istruzione, Max Bruschi, ricorda che anche in questa fase di passaggio dalle aule alle piattaforme web il «diritto allo studio» va assicurato comunque a tutti. Soffermandosi poi sui casi in cui le lezioni possono restare in presenza. A cominciare dai convitti. I «convittori e le convittrici potranno frequentare le attività didattiche in presenza nel caso in cui la scuola e il convitto siano posti nel medesimo edificio o in edifici contigui», specifica la circolare. Mentre i semi-convittori e le semi-convittrici passeranno alla Dad, o meglio alla didattica digitale integrata (Ddi) come si chiama adesso.

La scuola in carcere o in ospedale

L'insegnamento deve proseguire di persona anche per la scuola in ospedale o per i casi di istruzione domiciliare. Per i quali - prosegue viale Trastevere - «è auspicabile il proseguimento della didattica in presenza ove sia possibile garantirla, nello stretto rapporto con i medici e con le famiglie che caratterizza questa esperienza». Diverso è il caso delle sezioni caricerarie, specialmente minorili, dove le modalità didattiche vanno concordate con i direttori degli istituti penitenziari.

Lezioni in presenza a piccoli gruppi

Fermo restando che ai ragazzi con disabilità va garantita la frequenza in presenza, il ministero dell'Istruzione si raccomanda di arrivare a «un'inclusione scolastica “effettiva” e non solo formale», volta a «mantenere una relazione educativa che realizzi effettiva inclusione scolastica». Da qui la possibilità per i dirigenti scolastici di coinvolgere nelle lezioni in presenza un gruppo di allievi della classe di riferimento (a rotazione o sempre gli stessi) così da mantenere «quella relazione interpersonale fondamentale per lo sviluppo di un'inclusione effettiva e proficua».

Alunni con Bes o senza Pc

Le singole scuole decideranno anche se garantire la frequenza in presenza anche agli alunni con altri bisogni educativi speciali, qualora «tali misure siano effettivamente determinanti per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento da parte degli alunni coinvolti»; allo stesso modo, potranno prevedere misure analoghe anche con riferimento a situazioni di “digital divide” non altrimenti risolvibili. Per gli alunni senza Pc o tablet, dunque, le porte delle aule potrebbero restare aperte.