FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3949151
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, iscrizioni anticipate Dal 7 al 31 gennaio

Scuola, iscrizioni anticipate Dal 7 al 31 gennaio

L'anticipo delle iscrizioni, spiegano dal ministero, servirà a far partire prima la macchina delle operazioni che servono per portare in cattedra tutti i docenti sin dal 1° settembre

08/11/2018
Decrease text size Increase text size
ItaliaOggi

Tempi anticipati per iscrivere i figli a scuola. Dal 7 al 31 gennaio prossimi, lo scorso anno si arrivava al 7 di febbraio, i genitori dovranno effettuare le iscrizioni per l'anno scolastico 2019/2020. La circolare è stata firmata ieri dal ministro dell'istruzione, Marco Bussetti. L'anticipo delle iscrizioni, spiegano dal ministero, servirà a far partire prima la macchina delle operazioni che servono per portare in cattedra tutti i docenti sin dal 1° settembre. Operazione non riuscita quest'anno, anche a causa della carenza di candidati per le cattedre su cui era scattata l'assunzione a tempo indeterminato: su 52 mila, ne sono rimaste scoperte 30 mila. E proprio per evitare di dover ricorrere ad anno già avviato alla nomina dei supplenti, il Miur spinge sull'acceleratore delle iscrizioni. Le operazione si faranno online, salvo che per l'infanzia statale, e richiedono un codice di accesso: a partire dalle 9.00 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it. Chi ha già un'identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che l'ha rilasciata. Le iscrizioni online riguardano le istituzioni statali della primaria, secondaria di primo e secondo grado e anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle regioni che hanno aderito). Per le scuole dell'infanzia la procedura invece resta cartacea. L'adesione delle scuole paritarie al sistema delle iscrizioni online resta sempre facoltativa. Per indicare la scuola scelta, le famiglie potranno sul portale Scuola in Chiaro verificare i profili degli istituti di interesse: dall'organizzazione del curricolo, all'organizzazione oraria, agli esiti degli studenti e ai risultati conseguiti all'Università o nel mondo del lavoro. Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori devono esprimere anche la scelta dell'indirizzo di studio, precisando l'eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile, in subordine, indicare fino a un massimo di altri due istituti di proprio gradimento.