FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3955821
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, giudizi accanto ai voti per il recupero a settembre

Scuola, giudizi accanto ai voti per il recupero a settembre

Tre ordinanze in arrivo. Tra le novità è che si potrà bocciare, ma solo per gravi casi disciplinari o per assenze accumulate anche prima del lockdown. Definite le modalità dell'esame di Terza media e della Maturità

08/05/2020
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

Ilaria Venturi

Voti, come sempre. Ma con accanto giudizi che segnaleranno le lacune da recuperare nel prossimo anno scolastico. E si potrà bocciare, ma saranno casi eccezionali, per assenze prolungate o indisciplina. Infine, tra le novità, la tesina illustrata online per l'esame di terza media. Sono tre le ordinanze del ministero all'Istruzione in arrivo. Nuove indicazioni attese dal mondo della scuola che chiuderà l'anno senza più ritorni in aula. Mentre oggi la ministra Lucia Azzolina ha discusso coi sindacati e i presidi sulle modalità della Maturità, confermata in presenza salvo pareri contrari del Comitato tecnico scientifico se l'andamento della pandemia dovesse peggiorare. Le ordinanze sono state presentate ieri ai sindacati e riguardano la valutazione, l'esame di terza media e la Maturità.


Voti, giudizi, recuperi e bocciature

La valutazione sarà espressa in numeri, anche per la primaria, come già era. L'emergenza coronavirus non cambia il sistema dei voti. Ma sarà chiesto di affiancare alla valutazione cosiddetta "sommativa" anche quela formativa: giudizi con i quali indicare le lacune dello studente, le parti che non sono state possibili sviluppare a causa dell'emergenza sanitaria.

Non ci sarà il "sei politico" ha precisato all'incontro coi sindacati il capo dipartimento Max Bruschi. Dunque si ai voti, anche se il coronavirus ha fatto saltare di fatto un quadrimestre, e via al recupero. Quando non è ben precisato, se non che dovrà avvenire "soprattutto entro il primo periodo didattico" riporta la Cisl scuola. Ci si affiderà all'autonomia scolastica. Un passaggio - l'organizzazione del recupero e necessità di indicazioni chiare per il prossimo anno scolastico - che l'associazione nazionale dei presidi pone tra le criticità dei provvedimenti.

Rispetto al recupero l'Invalsi metterà a disposizione dei docenti l'analisi dell'andamento delle singole classi, dati storici sugli alunni che potranno essere utili per la ripartenza a settembre. 

Rispetto alle bocciature il ministero inizialmente aveva dato indicazioni di sospenderle: tutti promossi, anche per evitare una valanga di cause. Ora ricompaiono, ma come del tutto residuali: solo rispetto a gravi casi disciplinari oppure per l'impossibilità di valutare a causa di assenze che interessano anche il periodo antecedente all'interruzione delle attività in presenza.

Esame di terza media

Non vi sarà la fase di ammissione all'esame. Ma rientra, come richiesto dai docenti, la possibilità per l'esame di terza media di avere una sorta di colloquio a distanza tra i candidati e i professori del consiglio di classe. Un passaggio che prima, nelle ipotesi allo studio, era sparito. I ragazzi dovranno, dunque, presentare una tesina - non necessariamente su tutte le materie - e discuterla online. Il giudizio su questo elaborato affiancherà la valutazione disciplinare e del percorso scolastico nel triennio. Per i candidati privatisti, la valutazione sarà affidata agli esiti della discussione della tesina.

Maturità

Ieri la ministra Azzolina aveva anticipato il punto confermando l'esame - ridotto in emergenza al solo orale - in presenza dal 17 giugno. Questo nonostante le proteste di alcuni docenti - che giudicano l'orale in aula un "azzardo inutile" - e le perplessità dei presidi che reclamano misure adeguate di sicurezza. Il protocollo sulle misure è in discussione.

La ministra, nel corso di un question time alla Camera, ha confermato anche che il colloquio durerà un'ora e che si svolgerà davanti a una commissione composta da sei membri interni e un presidente esterno. Nella preliminare assegnazione dei materiali ai candidati si terrà conto del percorso "effettivamente svolto". Azzolina ha ribadito che l'avvio del colloquio sarà su una parte di programma concordato.

L'esame prevederà: la discussione di un elaborato sulle discipline di indirizzo (latino e greco al classico, matematica e fisica allo scientifico), la discussione di un breve testo di letteratura italiana, l'analisi del materiale scelto dalla commissione, l'esposizione delle esperienze di Alternanza scuola lavoro degli anni precedenti e delle conoscenze di educazione civica. La consegna del documento sul lavoro svolto è stata spostata dal 15 al 30 maggio.

Gli esami potranno essere svolti a distanza nel caso di studenti con particolari situazioni personali di difficoltà e probabilmente anche da commissari in particolari condizioni, in relazione all'emergenza sanitaria. L'ordinanza riporterà le tabelle per la conversione del credito scolastico fino ad un massimo di 60 punti, mentre 40 punti saranno assegnati alla prova orale. Per la valutazione il ministero fornirà una griglia nazionale che riguarderà la capacità di utilizzare le conoscenze, di argomentare, la padronanza lessicale e semantica, le comptenze sulla cittadinanza attiva.