FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3958582
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, elezioni organi collegiali, i presidi: «Con il Covid astensione altissima», ma il Miur non prevede il voto elettronico

Scuola, elezioni organi collegiali, i presidi: «Con il Covid astensione altissima», ma il Miur non prevede il voto elettronico

Moltissime scuole hanno avanzato la richiesta di permettere le votazioni da remoto, a distanza, avvalendosi di strumenti come quelli usati ad esempio per la didattica a distanza oppure di rinviare il voto oltre la scadenza di fine ottobre ma per quest'anno la strada è impraticabile.

05/10/2020
Decrease text size Increase text size
Il Messaggero

Camilla Mozzetti

Dopo la parentesi delle scuole trasformate in seggi elettorali per il Referendum molti istituti sono chiamati ora nuovamente al voto. E stavolta per eleggere i membri degli organi collegiali, vale a dire i rappresentanti dei tanti consigli di classe e di istituto.

Ma i dirigenti scolastici lanciano l'allarme perché «Con l'emergenza Covid-19 e l'assenza di norme che permettano l'elezione on-line il voto deve tenersi necessariamente a scuola e va organizzato con il rischio di avere una bassissima partecipazione», spiega il numero uno dell'Associazione nazionale presidi Mario Rusconi. Cosa succede? Anche quest'anno nonostante la pandemia è stato confermata la disposizione di tenere le elezioni in presenza «quando sarebbero stato opportune per garantire la più ampia partecipazione - prosegue Rusconi - e la formazione dei vari consigli delle votazioni on-line anche perché tenendo conto delle scuole e del numero di genitori che dovranno accedervi c'è tutta una macchina da organizzare anche sul fronte dei controlli per evitare gli assembramenti e delle seguenti sanificazioni dei locali» che si presume - essendo il voto interno alle scuole - sarà a carico dei singoli istituti.

Non tutti però sono chiamati alle "elezioni", i consigli si rinnovano ogni tre anni ma comunque nella Capitale sono più di cento le realtà tra istituti comprensivi e licei chiamati all'appuntamento. I rappresentanti da eleggere non sono pochi «alle superiori per il consiglio di ogni classe vanno eletti due genitori e due studenti mentre alle elementari e medie 4 genitori per ogni classe», fa di conto Rusconi mentre per i consigli di istituto «nelle scuole di I grado - prosegue il numero uno dell'Anp - i rappresentanti sono 8 e tutti genitori mentre nei licei 4 genitori e 4 studenti». Se per quest'ultimi il problema non si pone - i ragazzi possono sfruttare le ore di lezione in presenza per eleggere i rappresentanti - per i genitori è necessario che questi si rechino a scuola.

Il conto è abbastanza elevato perché solo gli istituti comprensivi romani contano in media mille studenti: ci saranno dunque mille genitori chiamati ad esprimersi in "presenza". «Il rischio che elezioni possano avere un livello di astensione molto elevata è dietro l'angolo con l'effetto di indebolire ulteriormente uno strumento necessario per gli equilibri scolastici» conclude il numero uno dei presidi. 

Le elezioni non solo a Roma ma a livello nazionale dovranno tenersi entro il 31 ottobre. Il ministero dell'Istruzione con una circolare inviata il 2 ottobre ha ricordato scadenze ed obblighi ribadendo però che il voto deve tenersi in presenza. A fissare la data per ogni Regione sarà il direttore dell'ufficio scolastico regionale che dovrà coincidere con un giorno festivo dalle 8 alle 12 e in quello successivo (lunedì) dalle 8 alle 13.30 non oltre il termine di domenica 29 e lunedì 30 ottobre. 

Moltissime scuole hanno avanzato la richiesta di permettere le votazioni da remoto, a distanza, avvalendosi di strumenti come quelli usati ad esempio per la didattica a distanza oppure di rinviare il voto oltre la scadenza di fine ottobre ma per quest'anno la strada è impraticabile. «Le elezioni degli organi collegiali delle scuole non sono rinviabili - ha fatto sapere il Miur in una nota - Sono infatti un obbligo previsto dalle norme e sono necessarie per garantire organi pienamente legittimi e in grado di produrre deliberazioni altrettanto legittime. Sono inoltre fondamentali per la vita democratica delle scuole e per la partecipazione attiva delle famiglie, delle studentesse e degli studenti».

«Ferma restando la possibilità dello svolgimento con modalità a distanza delle assemblee, con riferimento alla possibilità di votazioni elettroniche, il Ministero, nel rispetto dei principi che dispongono la libertà e la segretezza del voto, precisa che si tratta senz'altro di una prospettiva su cui lavorare, che impone però una previa compiuta riflessione sulla valutazione e sulla implementazione di tutte le forme di semplificazione ed efficientamento delle procedure ordinarie delle Istituzioni scolastiche». Insomma, per quest'anno voto in presenza, sempre che gli "elettori" si presentino.