FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3897454
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Riforma organi collegiali al Senato

Riforma organi collegiali al Senato

ddl 953 approvato dalla Camera è stato trasmesso al Senato che lo esaminerà a partire dai prossimi giorni. Per il momento la Commissione opererà in sede referente ma è probabile che la conferenza dei capigruppo autorizzi la procedura abbreviata.

10/11/2012
Decrease text size Increase text size
La Tecnica della Scuola

R.P.

Prende avvio nei prossimi giorni al Senato il percorso parlamentare del disegno di legge sulle norme di autogoverno della scuola.
Il 6 novembre, infatti, il provvedimento è stato assegnato dalla presidenza del Senato alla Commissione Cultura che dovrà a sua volta acquisire i pareri delle Commissioni Affari Costituzionali, Bilancio e Lavoro.
Per il momento la Commissione Cultura dovrebbe intervenire in sede referente: questo significa che la Commissione dovrebbe relazionare in aula a cui spetterebbe poi il voto finale.
In realtà è molto probabile che anche al Senato le cose vadano esattamente come alla Camera dove la conferenza dei capigruppo aveva chiesto e ottenuto che la Commissione potesse operare con potere deliberante.
Si tratta però di capire se la Commissione del Senato adotterà delle modifiche o se, al contrario, accetterà integralmente il testo licenziato dalla Camera.
Nel primo caso il ddl dovrà tornare nuovamente alla Camera mentre se non ci saranno modifiche il provvedimento potrebbe diventare legge entro poche settimane.
Secondo le dichiarazioni rese qualche settimana fa dalla presidente della Commissione Cultura della Camera Manuela Ghizzoni, al Senato potrebbe esserci qualche sorpresa perché Pd, Pdl e Udc (e cioè quelli che sostengono il disegno di legge) intendono ancora procedere con audizioni di sindacati e associazioni per valutare la possibilità di ritoccare il testo.
Certo è che i tempi sono sempre più stretti e il rischio di non riuscire ad approvare il provvedimento entro la fine della legislatura non è da escludere.
Intanto la prossima settimana si dovrebbe già capire se la Commissione Cultura del Senato potrà operare in sede deliberante in modo da abbreviare il percorso del disegno di legge.