FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3821665
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Repubblica: Scuola, addio alla "primina" tutti in classe senza anticipi

Repubblica: Scuola, addio alla "primina" tutti in classe senza anticipi

La decisione del ministero vale a partire dal 2007-2008

13/09/2006
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

IL PROVVEDIMENTO

ROMA - Addio alla "primina", punto di partenza dei più bravi. La classe che i bambini più precoci potevano frequentare nell´ultimo anno dell´asilo per poi poter accedere con un esame direttamente a sei anni alla seconda elementare, e così di fatto anticipare di un anno l´iscrizione rispetto all´età stabilita, esaurirà la sua lunga storia.
La decisione del ministero della Pubblica Istruzione vale a partire dall´anno scolastico 2007/2008: rimarranno le attuali regole per l´iscrizione alla prima elementare, che prevedono la possibilità di accesso anche a chi non abbia compiuto ancora sei anni, e che tuttavia faccia il suo sesto compleanno entro il 30 aprile dell´anno successivo. Ma, ribadiscono al ministero, l´iscrizione si potrà fare alla prima e non alla seconda classe del primo ciclo di istruzione.
Per quanto riguarda la primina, l´unica "eccezione" è prevista per il corrente anno scolastico: le bambine e i bambini che compiranno sei anni entro il 30 aprile 2007 potranno, per l´ultima volta nella storia della scuola italiana, sostenere gli esami di idoneità per l´accesso alla seconda classe della scuola primaria.
Il provvedimento, spiega il ministero, intende salvaguardare le aspettative delle famiglie che usufruiscono della possibilità di anticipare la scolarità obbligatoria, possibilità che invece non sarà più consentita a partire dall´anno scolastico 2007/2008.
In questo modo «viene tutelata limitatamente a quest´anno anche la programmazione dell´offerta formativa delle scuole private in grado di erogare questo servizio e che avevano accolto le iscrizioni tenendo conto di precedenti disposizioni che non saranno più applicate a partire dal prossimo anno scolastico».