FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3762783
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Pubblico impiego, rottura fra Governo e sindacati

Pubblico impiego, rottura fra Governo e sindacati

Il Mattino Pubblico impiego, rottura fra Governo e sindacati Sciopero il 9 novembre nel pubblico impiego. Insoddisfatti dell'incontro col governo, i sindacati hanno deciso di alzare il livello ...

26/10/2001
Decrease text size Increase text size

Il Mattino

Pubblico impiego, rottura fra Governo e sindacati

Sciopero il 9 novembre nel pubblico impiego. Insoddisfatti dell'incontro col governo, i sindacati hanno deciso di alzare il livello dello scontro. Ma non siamo ancora alla rottura definitiva sulla Finanziaria per cui non si tratta ancora di uno sciopero generale. A inasprire ulteriormente le posizioni è il delicato nodo delle risorse necessarie per il rinnovo dei contratti pubblici. La proposta sul recupero tra inflazione reale e programmata avanzata dal vice ministro dell'Economia, Mario Baldassarri, è stata giudicata irricevibile. "La riunione è stata deludente rispetto alle aspettative - ha spiegato Lia Ghisani, segretario confederale della Cisl - e la proposta del governo di riconoscere un recupero pari allo 0,3%, invece del 2,3% chiesto dai sindacati, è inaccettabile". Antonio Foccillo, segretario confederale della Uil, ha parlato di retromarcia del governo e si è detto sorpreso dal passo indietro compiuto da Baldassarri: "In pratica - aggiunge - mentre noi chiediamo un aumento di 66.000 lire lorde al mese, il governo propone un aumento di 8.000 lire lorde al mese". Gianpaolo Patta, segretario confederale della Cgil, giudica grave "che il governo non abbia riconosciuto il senso di responsabilità mostrato dai sindacati, i quali non chiedono la luna, nè risorse aggiuntive, ma solo ciò che i lavoratori hanno perso in questi anni". Se sulle risorse per rinnovare i contratti pubblici è scontro, i sindacati hanno, invece, colto una disponibilità del governo sul fronte della privatizzazione degli enti pubblici. "Ci è sembrato - ha spiegato Ghisani - che ci sia la volontà di affrontare la questione in un contesto più strategico, evitando decisioni immediate. Per noi questa materia non può essere oggetto della Finanziaria ma potrebbe, invece, essere inserita nel collegato".