FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3951428
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Prof sospesa, l'appello degli umanisti a Mattarella: "Provvedimento intimidatorio, sia ritirato"

Prof sospesa, l'appello degli umanisti a Mattarella: "Provvedimento intimidatorio, sia ritirato"

Dai grecisti agli archeologi, oltre 50 associazioni universitarie si rivolgono al presidente della Republica e al premier Conte. Oggi nelle scuole in tutta Italia gli insegnanti leggeranno gli articoli 21 e 33 della Costituzione di ILARIA VENTURI

22/05/2019
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

Ilaria Venturi

E' il giorno del Teacher Pride: alle ore 11 nelle scuole e università saranno letti gli articoli 21 e 33 della Costituzione, coi quali viene garantita la libertà di pensiero e di insegnamento. Un'iniziativa lanciata dal liceo di Anco Marzio di Ostia e raccolta da scuole e sindacati a sostegno dell'insegnante di Lettere e Storia di Palermo Rosa Maria Dell'Aria sospesa per quindici giorni per omesso controllo su una ricerca dei suoi studenti in cui si tracciava un parallelo fra le leggi razziali del 1938 e il decreto sicurezza e immigrazione del 2018. L'orgoglio docente ha un hashtag: io non sorveglio, sveglio. E se la protesta cersce in tutta Italia a muoversi sono anche gli accademici, rappresentanti del mondo umanistico.

Oltre 50 associazioni e consulte, dai grecisti agli archeologi, dai germanisti agli anglisti agli studiosi di cinema e teatro, hanno firmato un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la premier Giuseppe Conte: "Esprimiamo allarme e sconcerto per il provvedimento di sospensione dal servizio della professoressa Rosa Maria Dell'Aria - si legge - Come studiosi e docenti siamo pienamente solidali con la collega, convinti che scuola e università siano impegnate nella stessa, prioritaria missione civile e culturale: l'educazione degli studenti al senso critico e alla libertà del pensiero".

La richiesta del mondo universitario degli umanisti è rivolta al Ministero dell'Istruzione e all'Ufficio scolastico provinciale di Palermo: "Chiediamo di revocare il provvedimento sospensivo, che assume inevitabilmente un significato intimidatorio per tanti colleghi che lavorano con impegno ogni giorno per questi obiettivi".
 
Gli studiosi, così come il mondo della scuola, si sentono colpiti nel diritto alla libertà di insegnamento: "Ribadiamo - scrivono - la nostra fedeltà ai principi inviolabili della Costituzione nata dalla Resistenza, in particolare all'articolo 33 che tutela la libertà dei docenti dalle ingerenze del potere politico, di qualunque orientamento esso sia: L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento".

La consultazione è passata dai consigli direttivi e in alcuni casi dalla stessa base delle associazioni. Insomma, le firme rappresentano il mondo degli studiosi dell'area umanistica. "La sensazione è che la situazione sia andata oltre il segno - osserva Fabio Ciotti, docente di Teoria della Letterature a Tor Vergata, voce dell'associazione per l'Informatica umanistica e la cultura digitale - certi interventi così diretti e pesanti sulla libertà didattica non sono ammissibili, la cosa grave è che certe burocrazie sentono l'aria del momento e immediatamente si conformano". Come studiosi, docenti e cittadini abbiamo voluto prendere posizione su una vicenda molto grave, osserva Federico Bertoni, professore di critica letteraria all'Università di Bologna e presidente dell'associazione di Teoria e storia comparata della letteratura. In questo modo "vogliamo anche sottolineare la solidarietà di fondo tra scuola e università, spesso divise da assurdi steccati e invece impegnate nella stessa battaglia culturale. Aggiungo, a titolo personale, che la sospensione della collega di Palermo non è un caso corporativo, non riguarda solo il mondo della scuola o della formazione ma coinvolge tutto il Paese, ci ricorda quanto siano fragili e preziose le garanzie democratiche tutelate dalla Costituzione antifascista. Tira una brutta aria, ma la mobilitazione di questi giorni mi fa comunque ben sperare".
 

Le firme dei Presidenti delle associazioni e consulte

ADI Associazione degli italianisti, Gino Ruozzi
ADI Sezione didattica, Silvia Tatti
ADUIM Associazione fra i Docenti Universitari di Musica, Giovanni Giuriati
AIA Associazione Italiana di Anglistica, Giovanni Lamartino
AICC Associazione Italiana di Cultura Classica, Mario Capasso
AIFG Associazione Italiana di Filologia Germanica, Verio Santoro
AIG Società Italiana di Germanistica, Elena Agazzi
AIR Associazione Italiana di Romenistica, Angela Tarantino
AIS Associazione italiana degli Slavisti, Cristiano Diddi
AISC Associazione italiana di studi Catalani, Nancy De Benedetto
AISC Associazione italiana di studi cinesi, Paola Paderni
AISCLI Associazione italiana di studi sulle culture e letterature di lingua inglese, Carmen Concilio
AISGAL Associazione italiana di studi Galeghi, Attilio Castellucci
AISI Associazione italiana di studi Iberoamericani, Dante Liano
AISNA Associazione italiana studi Nord Americani, Elisabetta Vezzosi
AISPEB Associazione italiana studi Portoghesi e Brasiliani, Ettore Finazzi-Agrò
AISPI Associazione Ispanisti Italiani, Fausta Antonucci
AISV Associazione Italiana di Scienze della Voce, Barbara Gili Fivela
AItLA Associazione Italiana di Linguistica Applicata, Anna De Meo
AIUCD Associazione per l'Informatica Umanistica e la Cultura Digitale, Fabio Ciotti
ANDA Associazione nazionale Docenti di Anglistica, Antonella Riem
ASLI Associazione per la Storia della lingua italiana, Michele Cortelazzo
ASLI Scuola, Massimo Palermo
CCLLC Consulta di Critica letteraria e letterature comparate, Giovanni Bottiroli
CIRSE Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa, Fulvio De Giorgi
COMPALIT Associazione di Teoria e storia comparata della letteratura, Federico Bertoni
CTA Consulta di topografica antica, Paolo Liverani
CUC Consulta universitaria del Cinema, Giulia Carluccio
CUFC Consulta universitaria di Filologia classica, Aldo Corcella
CUG Consulta universitaria del Greco, Roberto Nicolai
CUNSF Conferenza universitaria nazionale di Scienze della formazione, Maria Grazia Riva
CUNSTA Consulta universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte, Fulvio Cervini
CUP Consulta universitaria di Papirologia, Guido Bastianini
CUSL Consulta universitaria di studi Latini, Paolo De Paolis
CUSTAA Consulta universitaria per gli Studi sull'Africa e sull'Asia, Raffaele Torella
CUT Consulta universitaria del Teatro, Lorenzo Mango
DILLE Società italiana di Didattica delle lingue e linguistica educativa, Elisabetta Bonvino
DORIF Centro di Documentazione e Ricerca per la didattica della lingua francese, Micaela Rossi
FCdA Federazione Consulte di Archeologia, Andrea Cardarelli, Maura Medri, Giuliano Volpe
GISCEL Gruppo di Intervento e Studio nel Campo dell'Educazione Linguistica, Silvana Loiero
IASEMS Italian Association of Shakespearean and Early Modern Studies, Giuliana Iannaccaro
CULCA Consulta Universitaria di Letteratura Cristiana Antica, Claudio Micaelli
MOD Società italiana per lo studio della modernità letteraria, Simona Costa
MOD Scuola, Giuseppe Langella
SFF Seminario di Filologia Francese, Anne Schoysman 
SIFR Società italiana di Filologia Romanza, Salvatore Luongo
SIFR Scuola, Giuseppe Noto
SIG Società Italiana di Glottologia, Raffaella Bombi
SFLI Società dei Filologi della Letteratura Italiana, Daniela Gionta
SIPed Società Italiana di Pedagogia, Simonetta Polenghi
SIRD Società italiana di ricerca didattica, Pietro Lucisano
SLI Società di linguistica italiana, Anna M. Thornton
SUSLLF Società universitaria per gli studi di Lingua e letteratura francese, Patrizia Oppici