FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3889356
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Nessuno mi può giudicare

Nessuno mi può giudicare

Agli insegnanti non piacciono le verifiche. Ma la valutazione del lavoro può migliorare la scuola

08/02/2012
Decrease text size Increase text size

Articolo di Matteo Acmé tratto dal n. 9 di febbraio 2012 del mensile ITALIC che contiene uno speciale dedicato all'istruzione italiana.

Dal 2008 i test scritti dell’Invalsi (l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo) per l’esame di terza media danno una fotografia nazionale delle competenzeacquisite degli alunni e, di riflesso, del livello dell’insegnamento: consistono in una prova a quiz di matematica e nell’analisi di un testo in italiano.

A differenza di altri paesi europei, in Italia incontrano però una forte resistenza, guidata dai sindacati: “Prima i contratti”, dice a Italic Domenico Pantaleo, segretario nazionale FLC CGIL, “Per noi l’urgenza non è valutare gli insegnanti ma la firma del nuovo contratto nazionale di lavoro”. È una questione di priorità, per i circa 177mila insegnanti di scuola media del Paese: “Prima sediamoci a discutere di aumenti, sblocco delle assunzioni e scatti di anzianità — continua il sindacalista — poi decideremo i modi migliori per la valutazione”. I docenti di scuola media guadagnano meno di buona parte dei colleghi europei. E mentre nei paesi OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) gli stipendi reali sono aumentati in media del 7% tra il 2000 e il 2009, in Italia sono diminuiti, anche se di poco. Ma i problemi del sistema scolastico non si riducono a questo. Secondo il sondaggio internazionale Talis del 2009, con dati raccolti in ventitré paesi, gli insegnanti italiani sono i più vecchi — con più della metà che ha già superato i 50 anni e la percentuale più bassa di under 30 — e hanno un drammatico bisogno di aggiornamento. Che riguarda almeno il 60% del corpo docente, uno fra i valori più alti, simile a quello registrato in Lituania e superiore di un terzo a quello della Spagna. Davanti ai dati, Pantaleo concorda sulla necessità di una sterzata, ma avverte: “Per l’aggiornamento degli insegnanti servono soldi. A inizio 2012 i fondi del ministero dell’Istruzione per la formazione non superavano i 2500 euro. In totale”.

Le carenze della scuola si manifestano a livello di risultati: gli studenti italiani sono sotto la media dei paesi OCSE per capacità di lettura, in scienze e matematica. Come ha recentemente dichiarato anche il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, il nostro sistema scolastico dà buone competenze di base, e il successo dei nostri ricercatori all’estero lo dimostra. Secondo Roberto Ricci, responsabile del servizio di valutazione Invalsi, il problema è che gran parte degli alunni mostrano serie difficoltà nella soluzione di problemi pratici, nell’interpretazione di testi complessi e nell’analisi dei dati. In pratica, fanno fatica a ragionare. “Per questo c’è bisogno di un monitoraggio costante; — spiega Ricci a Italic — bisogna capire dove intervenire. Solo un test nazionale può aiutare a governare un fenomeno così complesso”. Dai risultati del test risulta un divario netto: le scuole al Nord hanno punteggi più alti rispetto a quelle del Centro e la differenza cresce ancora di più con quelle del Sud. “Ci sono eccezioni positive, come le Marche o l’Umbria — continua il responsabile Invalsi — ma abbiamo l’obbligo di garantire un livello d’istruzione soddisfacente in tutto il Paese. L’Europa va verso un’autonomia scolastica sempre maggiore, ma perché questa funzioni senza troppe differenze fra scuola e scuola c’è bisogno di una valutazione efficace”. Iniziative come i test Invalsi sono molto delicate. Intanto si scontrano con una certa ritrosia degli insegnanti ad aprire la loro classe a “estranei” intenzionati a valutare il lavoro svolto. Poi, come ammette il responsabile dei test, c’è l’effetto ansiogeno che una verifica nazionale provoca sui docenti: “A scuola non si produce un oggetto finito e quindi facilmente valutabile; gli insegnanti sono un fattoreimportantissimo nei risultati ottenuti dagli studenti, ma non l’unico”. E le dichiarazioni di politici e passati ministri, che intendevano dosare i finanziamenti alle scuole in base ai risultati dei quiz, certo non hanno aiutano a disperdere i timori. Da qui le critiche ai test in generale: “Non è possibile esaminare scuole e insegnanti per fare una lista dei buoni e una dei cattivi”, accusa Gennaro Di Meglio, coordinatore nazionale del sindacato autonomo Gilda degli insegnanti. “Nella scuola ogni valutazione deve essere formativa, tesa a migliorare la situazione di chi sta più in basso, non a premiare i più fortunati”. Al di là di qualche provocazione, i test Invalsi non sono mai stati un discrimine per i finanziamenti: “Non è questa la loro natura — risponde Ricci — e legare i fondi ai risultati sarebbe sicuramente problematico. Il nostro obiettivo è semplicemente rendere oggettiva e comparabile, anche a livello europeo, la valutazione della scuola italiana. E aiutare a comprendere dove è necessario lavorare di più”. Per convincere sindacati e professori è sufficiente far capire loro il senso e la natura delle valutazioni. Secondo Ricci è come per il colesterolo: “Non basta fare le analisi del sangue per guarire. Serve anche qualcuno che ci dica come fare. I test Invalsi sono le analisi, poi però serve il medico”. E per la cura ci vuole tempo. Non è soltanto una questione di contratti e sblocco delle assunzioni: questioni importanti ma probabilmente slegate dai problemi di fondo. Per migliorare la salute della scuola bisogna probabilmente intervenire più in profondità. A cominciare proprio dai test.


Servizi e comunicazioni

Auguri di Buone Feste
Auguri di Buone Feste 2016
La nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
I giovani e la FLC CGIL
Giovani e sindacato
Seguici su facebook