FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3956628
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Maturità in palestra Oggi l'esame orale per i primi ventimila

Maturità in palestra Oggi l'esame orale per i primi ventimila

Niente scritti, l'esame 2020 è un colloquio di un'ora Mascherina e distanze: massimo 5 studenti al giorno

17/06/2020
Decrease text size Increase text size
La Stampa

flavia amabile
Roma
Si fa prima a dire che cosa non ci sarà in questa incredibile Maturità 2020 stravolta dai protocolli creati per svolgere le prove in sicurezza, ma anche in presenza.
Non ci sarà la «Notte prima degli esami». Alcuni studenti si sono ritrovati davanti alle scuole o hanno provato a tirare tardi per creare comunque un'attesa, ma senza avere tracce da tirare a indovinare, temi da svolgere per placare l'ansia del foglio bianco, cartucce e trucchi di vario tipo da preparare. E stamattina non ci saranno il tema, la partecipazione corale, i commenti sugli argomenti scelti, la ricerca degli errori del ministero e la caccia ai cellulari negli zaini.
Ogni studente però avrà la sua «Notte prima del suo esame» (solo orale). E avrà tutto lo stress e l'emozione della prova da sostenere e del ritorno a scuola dopo quattro mesi. E alla fine avrà dei ricordi unici che lo renderanno parte di una stagione e di una generazione.
Si parte stamattina alle 8,30 con il primo gruppo di circa 20mila studentesse e studenti convocati e si andrà avanti con al massimo cinque colloqui al giorno, fino a esaurire le prove di circa mezzo milione di maturandi.
Per rispettare il distanziamento e le misure previste dai protocolli di sicurezza, i dirigenti scolastici hanno messo a disposizione le aule più grandi ma anche palestre, laboratori, aule magne e campi sportivi e ogni ambiente in grado di ospitare circa dieci persone in contemporanea tra commissari, studenti, presidenti ed eventuali accompagnatori di sostegno.
Tutti dovranno indossare la mascherina, ma durante l'esame ragazze e ragazzi potranno toglierla per sostenere l'esame con maggiore chiarezza e disinvoltura. Dovranno però mantenere la distanza di sicurezza di almeno due metri dai commissari.
L'esame sarà in presenza ma anche a distanza: alcuni professori potrebbero avere patologie o comunque dei problemi tali da giustificare il collegamento a distanza. Questo vuol dire che in molte scuole ci saranno anche dei monitor per permettere l'interrogazione online.
La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina oggi ha scelto di andare a Bergamo. Sarà alle 9,30 all'I.T.S. Giacomo Quarenghi. «Ci tenevo a dare un messaggio di vicinanza molto concreto - spiega -, ci sono territori che hanno sofferto più di altri. E che quindi hanno dovuto mettere ancora più impegno e responsabilità per affrontare questi esami di Stato in presenza» e quindi sarà lì «per ringraziare gli studenti, i docenti, i commissari e tutto il personale. Dirò loro che sono stati un grande esempio che ci aiuterà anche in vista di settembre».


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL