FLC CGIL
Sottoscrizione Aiuta chi ci aiuta

http://www.flcgil.it/@3954631
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Manfredi: in arrivo piano da 400 milioni per aule e laboratori universitari

Manfredi: in arrivo piano da 400 milioni per aule e laboratori universitari

Ad annunciarlo è stato ieri il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, a “Circo Massimo” su Radio Capital.

21/02/2020
Decrease text size Increase text size
Il Sole 24 Ore

In arrivo un bando da 400 milioni per aule e laboratori universitari. Ad annunciarlo è stato ieri il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, a “Circo Massimo” su Radio Capital.

Il piano per i laboratori
«La prossima settimana uscirà un bando per 400 milioni per aule e laboratori: è un grande investimento per le infrastrutture per le università». Queste le parole del ministro manfredi che ha poi aggiunto: «Dal 2008 non si avevano finanziamenti e questi fondi arriveranno a oltre 700 milioni. Attiveremo poi iniziative di semplificazione per ridurre i vincoli burocratici ed economici: in presenza di risorse certe, deve essere più semplice la chiamata diretta e l'assunzione di ricercatori. A volte le regole rappresentano una barriera più grande della mancanza di risorse».

Al lavoro sui competence center
Un altro annuncio Manfredi lo ha riservato ai competence center introdotti dal piano Industria 4.0: «I competence center - ha spiegato - sono andati avanti ma con il ministri Stefano Patuanelli e Paola Pisano stiamo lavorando per riprendere l'azione strategica su questa parte anche considerando la trasformazione digitale del sistema industriale italiano per integrare l'azione in una strategia europea affinchè tutto l'investimento possa essere rilanciato per sostenere la trasformazione digitale del paese».

La sufficienza al governo
Interrogato sulla sua esperienza al governo Manfredi ha detto che «c’è sicuramente una grande soddisfazione di poter dare un contributo al paese, ai giovani ai ricercatori, al mondo in cui ho vissuto e vivo. C'è poi la fatica di essere al governo: bisogna superare i tanti vincoli e burocrazie, anche positive, ma serve un paese più semplice: dalla decisione all'azione i tempi devono essere più brevi; a volte si vive la fatica dell'applicazione ed è quello che ho vissuto in questi mesi». Mentre alla domanda sul voto che darebbe al governo, Manfredi ha risposto: «Da prof universitario, al governo dò una sufficienza. Direi un 25. Dobbiamo lavorare per realizzare le risposte concrete che si aspettano le persone».