FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3945347
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Lite sui fondi per la ricerca i rettori del Sud: noi puniti

Lite sui fondi per la ricerca i rettori del Sud: noi puniti

Al Centro- Nord l’ 86% dei premi per l’eccellenza: “ Ma i nostri progetti sono migliori”

12/01/2018
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

Salvo Intravaia Ilaria Venturi

Il Sud resta al palo nella gara sull’eccellenza della ricerca scientifica. Su 180 dipartimenti al top, appena finanziati con un miliardo e 300 milioni in cinque anni, 155 ( l’ 86%) sono nelle regioni del Centro- Nord. E si riaccende la polemica su un’Italia accademica spaccata in due. Con i rettori del Sud che insorgono: « Distribuzione iniqua, noi penalizzati » . E il neopresidente dell’Agenzia per la valutazione ( Anvur) Paolo Miccoli che corre ai ripari: « Occorre assolutamente recuperare le università escluse».

È la prima volta che vengono distribuiti fondi “extra”, e non pochi in un mondo sotto finanziato, direttamente ai dipartimenti, le strutture scientifiche degli atenei. In che modo? La prima selezione, che ne ha scelti 350, è stata fatta sulla valutazione della qualità della ricerca (Vqr) condotta dall’Anvur: un algoritmo complesso e contestato in ambiente accademico che ha pesato per il 70%. Poi la corsa finale su progetti di ricerca presentati dai singoli dipartimenti alla commissione presieduta da Paola Severino, rettore della Luiss. Bologna è prima, con 14 dipartimenti finanziati e 113 milioni portati a casa. Seguono Padova (13 strutture per 102 milioni), le università e politecnici di Milano e Torino. Firenze conquista 69 milioni, con nove dipartimenti, Pisa va male. La Sapienza incassa 58 milioni per otto strutture eccellenti.

Ma è il Sud ad allarmare: solo 25 dipartimenti finanziati, appena il 14%. Un divario che questo fiume di denaro — che consentirà ai selezionati di assumere docenti e ricercatori, creare nuovi laboratori e potenziare la didattica — rischia di allargare. «Una iniqua distribuzione delle risorse che penalizza, ancora una volta, il Sud: il quadro è desolante », è il duro commento del rettore dell’università della Calabria Gino Mirocle Crisci. Gli atenei del Sud soffrono di carenze di strutture all’avanguardia e di docenti dedicati alla ricerca. Si erano risollevati nell’ultima valutazione, del 2010-14, sui prodotti scientifici dei professori. Ma non abbastanza. «Se il criterio fosse stato almeno in parte quello del progresso oggi staremmo a raccontare un’altra storia » , dice Fabrizio Micari di Palermo. Il rettore di Bari, Antonio Felice Uricchio, reclama quote perequative per il futuro: « Avevamo 4 dipartimenti su 350, uno solo ce l’ha fatta: il rammarico c’è » . Più ottimista Gaetano Manfredi, della Federico II di Napoli: « La Campania, con 11 dipartimenti finanziati, è migliorata ed è stata premiata. Il Sud aveva indicatori meno favorevoli anche se il trend è comunque positivo e la situazione migliorerà». Ma il sistema premiale nella ricerca fa bene o male al Paese? « Il meccanismo permette di vedere i problemi e di risolverli » , risponde Cristina Messa, rettore di Milano Bicocca. E aggiunge: «Abbiamo avuto successo perché i nostri dipartimenti hanno lavorato su progetti di ampio respiro, su base quinquennale, come avviene in Europa » . Francesco Ubertini, rettore di Bologna, difende la misura, ma aggiunge: «Va accompagnata da interventi che permettano alle università escluse di crescere».

Il dibattito è acceso via social. Il divario « era già contenuto nella prima classifica dove solo il 18% dei dipartimenti di Sud ed Isole era rappresentato», osserva Miccoli. « Le scelte, legittime, della commissione hanno ulteriormente aggravato la situazione » . Appena insediato, difende il sistema di valutazione: « La Vqr è perfettibile, ma non la butterei via»