FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3823167
Home » Rassegna stampa » Nazionale » ItaliaOggi: I soldi diretti alle scuole

ItaliaOggi: I soldi diretti alle scuole

Tagliati i passaggi intermedi, i finanziamenti alle scuole arriveranno direttamente dal ministero dell'istruzione

03/10/2006
Decrease text size Increase text size
ItaliaOggi

Tagliati i passaggi intermedi, i finanziamenti alle scuole arriveranno direttamente dal ministero dell'istruzione. Sono 2,7 i miliardi di euro che nel 2007 andranno a coprire il funzionamento delle istituzioni scolastiche, a esclusione degli stipendi dei dipendenti. Con questi soldi, gli istituti pagano dalle supplenze brevi alle pulizie, dall'acquisto del materiale didattico al pagamento delle tasse, per esempio quella dello smaltimento rifiuti. E dal prossimo anno potranno farlo senza nessun vincolo di destinazione rispetto a quanto invece avveniva in passato. L'obiettivo è di ridurre i tempi di attesa ed evitare che su alcuni capitoli ci siano somme non spese, su altri un rosso spaventoso. In questo modo, invece, le scuole potranno spendere come riterranno più opportuno e in tempi coerenti con gli impegni finanziari assunti. La riforma della finanza scolastica fa seguito a quella più generale del bilancio del ministero. Si istituiscono, infatti (articolo 65 della Finanziaria), due sole unità previsionali di base. Fondo per le competenze dovute al personale delle istituzioni scolastiche, con esclusione delle spese per stipendi del personale a tempo indeterminato e determinato, il primo, e fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche, il secondo. Sarà il ministero, con apposito decreto, a decidere quali saranno i criteri per ripartire i fondi alle scuole. Va sempre nella direzione di contenimento delle spese anche la norma che riduce a due i revisori contabili che devono fare il riscontro di regolarità amministrativa dei bilanci delle scuole. Uno nominato dal dicastero dell'economia, l'altro da quello dell'istruzione, entrambi saranno scelti prioritariamente tra i dipendenti con sede di servizio o residenti nella provincia nella quale ha sede la scuola da controllare. Ad oggi, invece, la scelta era fatta a livello nazionale, con spese di trasferta sostanziose


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL