FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3950663
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Il direttore amministrativo non c'è, ecco come trovare sostituti tra gli Ata

Il direttore amministrativo non c'è, ecco come trovare sostituti tra gli Ata

L'aran ha indicato come regolarsi anche per l'indennità

19/03/2019
Decrease text size Increase text size
ItaliaOggi

Franco Bastianini

Quale profilo professionale Ata può sostituire il direttore dei servizi generali e amministrativi (Dsga) in caso di assenza e come va calcolata l'indennità da corrispondere a chi lo sostituisce? Alle due domande l'Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, ha di recente fornito, tramite gli Orientamenti Applicativi Scu- 105 e 106 del 12 marzo 2019, alcuni interessanti chiarimenti concernenti appunto le disposizioni contrattuale che disciplinano la materia oggetto delle domande.

Fino alla concreta e completa attivazione del profilo del coordinatore amministrativo, il direttore dei servizi generale e amministrativi va sostituito da un assistente amministrativo con incarico conferito ai sensi dell'art. 1, comma 1, lett. b) della sequenza contrattuale del personale Ata del 25/7/2008.

Sempre con riferimento a tale personale l'Aran ricorda che stante il disposto dell'art. 2, comma 4 , della predetta sequenza contrattuale, l'assistente amministrativo, se titolare della seconda posizione economica, è tenuto a sostituire il Dsga ma con la precisazione che tale obbligo attiene solo alle funzioni da esercitare che vanno retribuite nel rispetto dell'art. 88 del Ccnl del 29/11/2007.

Nel caso di assenza del Dsga dall'inizio dell'anno scolastico, su posto vacante e disponibile, il relativo incarico a tempo determinato andrà conferito sulla base delle graduatorie permanenti.

Quanto all'indennità di direzione da corrispondere all'assistente amministrativo in caso di sostituzione del Dsga, l'Agenzia ricorda che l'art. 56, comma 1, del contratto collettivo nazionale 29/11/2007 riconosce al sostituto del Dsga la medesima indennità di direzione attribuita a quest'ultimo, prevedendone il finanziamento a carico del Fondo per il miglioramento dell'offerta formativa. Tuttavia, come si legge nell'Orientamento Applicativo n. 105, poiché l'indennità di direzione è comprensiva del compenso individuale accessorio (Cia) e considerato che l'assistente amministrativo che sostituisce il Dsga già percepisce tale compenso individuale, la quota di indennità di direzione a carico del Fondo per il miglioramento dell'offerta formativa, è determinata al netto del Cia in godimento, così come previsto dall'art. 88, comma 2, lett. i) del contratto 29/11/2007.