FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3953784
Home » Rassegna stampa » Nazionale » I tre Nobel per la Medicina: «Siamo qui grazie ai nostri prof di scuola»

I tre Nobel per la Medicina: «Siamo qui grazie ai nostri prof di scuola»

Appello di Gregg L. Semenza, William G. Kaelin Jr e Sir Peter J. Ratcliffe per riconoscere il valore degli insegnanti. E Semenza racconta: «La mia prof di biologia mi diceva: quando vincerai il Nobel ricordati di quello che hai imparato qui»

07/12/2019
Decrease text size Increase text size
Corriere della sera

«Riconoscere il valore e il ruolo degli insegnanti, fondamentali per infondere nei loro alunni l’amore della scienza». E’ l’appello lanciato dai vincitori del Premio Nobel per la Medicina 2019 - Gregg L. Semenza, William G. Kaelin Jr e Sir Peter J. Ratcliffe - durante la conferenza stampa che si è svolta oggi a all’Istituto Karolinska di Stoccolma a pochi giorni dalla cerimonia di premiazione, che si terrà il prossimo 10 dicembre. Il primo a rendere omaggio alla professione docente è stato Semenza, che ci ha tenuto a dire «tre grazie: al premio Nobel, che rende la scienza pop, cosa importante per far capire che la ricerca di base ha un ruolo per migliorare la vita delle persone. Alle opportunità che permettono ai giovani di fare scoperte, anche se i premi arrivano ai senior. Ma questo stimola i giovani a fare nuove scoperte. Infine il grazie più importante va agli insegnanti, che alimentano la passione per la scienza nei loro alunni. Gli insegnanti - ha detto - hanno un ruolo importantissimo».

La «profezia» dell’insegnante di biologia di Semenza

«Io sono un medico, un ricercatore - ha aggiunto Sir Ratcliffe - e non capisco perché la nostra società riconosca il valore di medici e avvocati, ma non quello degli insegnanti, che hanno un ruolo così fondamentale nel diffondere la passione per la scienza». Semenza aveva già avuto occasione di ringraziare pubblicamente una sua vecchia prof di biologia delle superiori: «Quando ero al liceo - ha raccontato - avevo una insegnante di biologia che ha ispirato me e altri a intraprendere la carriera scientifica. Spesso introduceva il suo racconto di una scoperta scientifica dicendo: “Quando voi vincerete il vostro premio Nobel, non voglio che vi dimentichiate quello che avete imparato qui». E Semenza non l’ha dimenticato, evidentemente.