FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3928963
Home » Rassegna stampa » Nazionale » I presidi non vanno alla guerra

I presidi non vanno alla guerra

12/01/2016
Decrease text size Increase text size
La Tecnica della Scuola

di Francesco Borciani

Ai primi di dicembre l’ANP aveva pubblicato sul suo sito una presentazione sul Piano Triennale dell’Offerta Formativa che conteneva alcune considerazioni sul potere di indirizzo conferito al Dirigente.
Diverse affermazioni non ci avevano convinto. Ci erano sembrate l’espressione, un po’ preoccupante, di un modo di intendere i rapporti all’interno della scuola decisamente distante dal nostro.
Vediamo in questi giorni che quelle considerazioni vengono lette come la posizione ufficiale di tutti i Dirigenti scolastici. Ne riportiamo alcune.
Secondo l’interpretazione proposta dall’ANP, il nuovo modello di titolarità dei docenti, oltre alla possibilità di sceglierli in funzione del piano dell’offerta formativa predisposto in ogni scuola e alla maggiore probabilità di fare squadra, presenterebbe per il Dirigente il vantaggio di “non ‘avere le mani legate’ rispetto a docenti contrastivi”.
Ancora, rispetto al ruolo di elaborazione del CdD (dove la legge 107/15 chiarisce “Il piano è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente scolastico. Il piano è approvato dal consiglio d'istituto.”) si suggerisce di affidarsi ad un gruppo di lavoro, con la raccomandazione di acquisire per prudenza qualche parere “mirato” preliminare, senza formalizzare la consultazione, e di portare il testo in collegio docenti, per una discussione “da contenere quanto possibile”, sottolineando che il Collegio “si può esprimere solo con un voto”.
Infine, per quanto riguarda l’approvazione definitiva in Consiglio di istituto, il documento ANP sottolinea che la possibilità che il CdI intervenga a modificare il testo in fase di approvazione è “un evento da evitare con ogni cura”, preparando “accuratamente la delibera, che sostanzialmente dovrà essere una ratifica”.
Vogliamo ribadire che non tutti i Dirigenti scolastici si riconoscono in queste posizioni, che riteniamo lesive della dignità dei docenti, del ruolo del Collegio e del Consiglio di Istituto e che disegnano uno scenario di conflitto permanente all’interno delle scuole, cercato con determinazione.
L’ANP non rappresenta l’insieme dei Dirigenti scolastici, parla esclusivamente a nome dei propri iscritti, in particolare quando si esprime su temi così critici, con letture e interpretazioni assolutamente di parte.
Noi non ci riconosciamo in una visione di scuola in cui gli Organi Collegiali sono assemblee da controllare, evitando che possano avere voce in capitolo, riducendole al ruolo di chi ratifica le decisioni del Dirigente; o in cui gli insegnanti sono elementi “contrastivi” da ridurre all’obbedienza grazie a nuovi poteri di comando.
Non concordiamo con il suggerimento, sempre contenuto nello stesso documento, di non sollecitare proposte, secondo “il principio dei marines: don’t ask, don’t tell…”.
È una posizione che, siamo certi, non condividono neppure molti iscritti all’ANP e che, in definitiva, produce e alimenta proprio lo scontro che si dice di temere.
Al di là delle posizioni culturali, politiche o sindacali, ci riconosciamo in un’idea di scuola come opera collettiva, realizzata da tante istanze, organi, persone, che lavorano insieme attraverso la via del confronto, in una prospettiva pluralista che non ammette scorciatoie, tantomeno autoritarie. Ognuno di noi, secondo la propria sensibilità, le proprie scelte, le condizioni locali in cui opera, declinerà diversamente il proprio ruolo; ma sempre nell’ottica del dialogo, non certo dell’imposizione o peggio della manipolazione.
Se ANP si prepara alla battaglia, convinta che la L. 107/2015 affidi ai Dirigenti il compito di sconfiggere tutte le altre componenti della scuola, ha letto una legge diversa da quella su cui noi, nella quotidianità dei nostri istituti, stiamo lavorando.
Questa visione non ci rappresenta e non crediamo rappresenti un futuro auspicabile per la nostra scuola.

Ferrara, 3/1/2016

Francesco Borciani, Dirigente scolastico, Ferrara
Lia Bazzanini, Dirigente scolastica, Ferrara
Anna Bazzanini, Dirigente scolastica, Ferrara
Roberta Fantinato, Dirigente scolastica, Bologna
Giovanni Fioravanti, Dirigente scolastico in pensione, Ferrara
Alessandra Francucci, Dirigente scolastica, Bologna
Erika Picariello, Dirigente scolastica, Avellino
Maria Rosa Pasini, Dirigente scolastica, Santarcangelo di Romagna, RM
Sergio Pagani, Dirigente scolastico, Bologna
Antonino Leotta, Dirigente scolastico, Latina
Mario Magnelli, Dirigente scolastico, Fiorenzuola d’Arda, PC
Giovanni Tiberi, Dirigente scolastico, Piacenza
Nevio Tampelli, Dirigente scolastico, Ravenna
Manuela Bruschini, Dirigente scolastica, Piacenza
Deanna Bussandri, Dirigente scolastica, Castel Arquato, PC
Giovanni Fasan, Dirigente scolastico, Fidenza, PR
Paolo Bernardi, Dirigente scolastico, Vergato, BO
Omer Bonezzi, Dirigente scolastico, Vignola, MO
Adriano Cappellini, Dirigente scolastico, Parma
Giovanni Gaulli, Dirigente scolastico, Torrile, PR
Tiziana Tiengo, Dirigente scolastico, Vignola, MO
Giovanni Fasan, Dirigente scolastico, Fidenza, PR
Guglielmo Rispoli, Dirigente scolastico, Napoli
Sergio Simoni, Dirigente scolastico, Bologna

Le adesioni a questo documento si raccolgono scrivendo a Francesco Borciani, primo firmatario, al seguente indirizzo: francesco.borciani@libero.it


Servizi e comunicazioni

Firma per i referendum scuola
Scuorum: referendum scuola
La nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Carta dei diritti: dove firmare
Carta dei diritti universali del lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
I giovani e la FLC CGIL
Giovani e sindacato
Seguici su facebook