FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3781009
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Gazzettino-Tempo pieno, lettera al ministro Moratti

Gazzettino-Tempo pieno, lettera al ministro Moratti

La direzione del Secondo circolo scrive a Roma: "In provincia è un modello scolastico irrinunciabile" Tempo pieno, lettera al ministro Moratti Lettera aperta al ministro Letizia Moratti pe...

21/12/2003
Decrease text size Increase text size
Il Gazzettino

La direzione del Secondo circolo scrive a Roma: "In provincia è un modello scolastico irrinunciabile"
Tempo pieno, lettera al ministro Moratti
Lettera aperta al ministro Letizia Moratti per chiedere il mantenimento del tempo pieno e, più in generale, del tempo scuola, così com'è regolato attualmente.
È l'iniziativa della Direzione didattica del Secondo circolo,capitanata da Giuliana Cinelli, che ha preso carta e penna per far sentire la propria voce al ministero, alla luce dei "minacciosi" contenuti della riforma scolastica.

A dare l'avvio a questa forma di protesta, silenziosa ma efficace, è la delibera adottata dal Consiglio di circolo, sottoscritta dalla dirigente scolastica Cinelli e dai rappresentanti di docenti, genitori e collaboratori scolastici. "Il Consiglio di Circolo - riporta il testo della missiva, già inoltrata alla volta del Miur -, dopo aver visto lo schema di decreto legislativo per l'attuazione della legge 53 nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria (approvato dal Governo in prima lettura il 12 settembre 2003,ndr), considerato il tempo scuola obbligatorio previsto per la scuola primaria in 891 ore annue, comprensive dell'insegnamento della religione cattolica, della quota oraria riservata alla Regione e della quota oraria riservata alle scelte della scuola (aumentabili di 99 ore annue d'insegnamenti facoltativi, per una media di 27mila 730 ore settimanali), chiede il mantenimento dell'attuale tempo scuola, da 30 a 40 ore settimanali di lezione".

Quali sono le motivazione addotte dal Secondo circolo per la suabattaglia? "Nella nostra realtà - recita ancora la missiva - le scuole funzionano con 3, 4 o 5 giornate di tempo pieno (lezioni e tempo necessari per accogliere il bisogno diffuso degli utenti). Per le famiglie, è motivo di sicurezza e garanzia d'impegno la presenza del figlio a scuola, ambiente educativo per eccellenza. Accogliere il bisogno e il piacere di formazione è ragione di prestigio per lo Stato, che eroga il servizio, ed è ragione di orgoglio per i docenti, che vedono riconosciuto il proprio lavoro. Il tempo pieno, a parere degli insegnanti, è un modello scolastico consolidato e irrinunciabile, perché permette di svolgere le attività programmate in maniera distesa. Nell'attuale tempo scuola trova spazio la concretizzazione di proposte congiunte scuola - territorio, che mirano al conseguimento di traguardi formativi, espressi e condivisi dalla comunità e dall'istituzione scolastica".

Da qui l'appello finale alla Moratti "per un intervento in sede di Governo, affinché si giunga a una modifica del testo normativo".

Alessandra Betto