FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

http://www.flcgil.it/@3762943
Home » Rassegna stampa » Nazionale » E se la smettessimo coi piagnistei? (da fuoriregistro)

E se la smettessimo coi piagnistei? (da fuoriregistro)

E se la smettessimo coi piagnistei? di Corrada Cardini - 05-11-2001 Da qualche settimana ormai leggo gli interventi che appaiono su fuoriregistro, e ne trovo pochissimi che mi convincono: o m...

05/11/2001
Decrease text size Increase text size

E se la smettessimo coi piagnistei?
di Corrada Cardini - 05-11-2001

Da qualche settimana ormai leggo gli interventi che appaiono su fuoriregistro, e ne trovo pochissimi che mi convincono: o meglio la maggior parte mi convince, più di quanto lo sia mai stata, che siamo una categoria che definirei eufemisticamente PATETICA.

Da trent'anni vivo nella scuola e una cosa è certa: non siamo da compiangere.

Ho lavorato in scuole sia superiori che medie, ho partecipato attivamente a ogni forma o proposta di sperimentazione o innovazione pur essendo per carattere e formazione una persona portata ad un sano scetticismo, o pessimismo dell'intelligenza.

Una cosa so, che in sala professori non si sente che gente che si lamenta, di tutto, ma che raramente riesce a uscire dalla cura del suo proprio orticello.

Si lavora troppo, gli alunni fanno dannare, i presidi rompono, ci pagano poco, troppe riunioni, mancanza di coordinamento,abbiamo una immagine pubblica schifosa, non siamo valorizzati professionalmente.. Che noia!

L'ultimo scandalo: le funzioni obiettivo: Non si tollera che ci siano persone che svolgono si dice,attività che ogni docente potrebbe svolgere nell'esercizio delle sue funzioni.

Ma dove?nella scuola sono sempre stati alcuni a muoversi, a coordinare, a gestire situazioni nuove,e tenere contatti con l'esterno, ad aggiornarsi veramente; alcuni CHE SAPEVANO FARLO, o CI PROVAVANO.

La scuola ha bisogno di persone che sanno applicare logiche di flessibilità anche professionale al loro lavoro, disposte a contribuire al lavoro degli altri e rispondere ai bisogni di una scuola che sta scommettendo sul suo futuro ..e queste figure servono, e non tutti possono farlo.Ma ammetterlo vorrebbe dire spezzare il fronte della consueta placida autoreferenziale lamentosa schiera dei docenti depressi e depressivi di cui la scuola, lo so con certezza , è piena. Bene, l'ho detto. Saluti.

NB Sarò accusata di lesa maestà?


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL