FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3955179
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Covid-19: Anvur proroga i termini per supportare le università rispettando le scadenze ministeriali

Covid-19: Anvur proroga i termini per supportare le università rispettando le scadenze ministeriali

Il consiglio direttivo dell'Anvur, Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, nella seduta del 25 marzo scorso, ha deciso di prorogare tutte le scadenze del calendario di attività c

31/03/2020
Decrease text size Increase text size
Il Sole 24 Ore

Il consiglio direttivo dell'Anvur, Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, nella seduta del 25 marzo scorso, ha deciso di prorogare tutte le scadenze del calendario di attività con una doppia finalità: supportare le università nell'attuale situazione di emergenza dovuta all'epidemia Covid-19 e rispettare le scadenze previste dal ministero in materia di offerta formativa per il 2020/21 e Vqr 2015-2019.

«Si tratta di una deliberazione che posticipa i tempi di tutti gli adempimenti richiesti ad atenei ed enti di ricerca» precisano i componenti del consiglio direttivo, Fabio Beltram, Maria Luisa Meneghetti e Antonio Uricchio. «L'attuale straordinario sforzo degli atenei per assicurare l'erogazione della didattica e lo svolgimento degli esami degli studenti e in particolare quello del personale di area medica nell'ambito dell'assistenza e della ricerca motiva questa riprogrammazione delle attività. È stato necessario rimettere mano ai termini precedentemente previsti con l'obiettivo, nel rispetto delle scadenze ministeriali e dei recenti provvedimenti legislativi, di consentire alle Istituzioni di avere più tempo a disposizione con l'auspicio che quanto prima sia possibile per tutti tornare gradualmente al normale regime di attività».


Nei giorni scorsi i rettori delle università hanno ricevuto la comunicazione della proroga direttamente da Anvur; tali termini, chiarisce l'Agenzia, potranno essere ulteriormente rivisti in coerenza con le modifiche che eventualmente ci saranno nei provvedimenti legislativi o ministeriali. Il tutto in un percorso di stretta collaborazione con il Ministero e con le Istituzioni anche semplificando e snellendo procedure e oneri documentali, nel rispetto dei principi di trasparenza e partecipazione.


I termini, salvo eventuali ulteriori comunicazioni, sono stati così ridefiniti su tutte le principali attività:
• Il termine del 31 marzo 2020 previsto per l'invio da parte degli atenei della documentazione relativa ai nuovi corsi di studio di Medicina e Chirurgia e di Odontoiatria e protesi dentaria per l'a.a. 2020/21, è stato posticipato al 30 aprile 2020 in modo da consentire la valutazione nel mese di maggio e la programmazione nazionale degli accessi nel mese di giugno.
• Il calendario del 2020 delle visite di accreditamento periodico delle università è stato posticipato di un semestre e si concluderà nel primo semestre dell'anno 2021.
• Il termine per la trasmissione della relazione dei Nuclei di valutazione inerente le opinioni studenti e normativamente fissato al 30 aprile è stato posticipato al 30 giugno 2020.
• Il cronoprogramma del Bando Vqr 2015-2019 è stato ampiamente aggiornato con l'obiettivo di rispettare il termine ministeriale del mese di luglio 2021 per la conclusione della valutazione ma prevedendo che la principale attività degli atenei e degli enti di ricerca, ovvero il conferimento dei prodotti, sia posticipata dal periodo giugno-settembre al periodo settembre-ottobre 2020.


«L'Agenzia sta ponendo la massima attenzione alle esigenze del sistema universitario e della ricerca in un momento in cui, con grandi difficoltà operative, viene fatto ogni sforzo per assicurare la didattica e lo svolgimento degli esami degli studenti. Per questo, il nostro impegno è quello di ridurre al minimo la quantità di adempimenti richiesti alle Istituzioni valutate, di prorogare i termini precedentemente previsti e di utilizzare tutte le informazioni già disponibili. Per quanto possibile va salvaguardata la verifica dei processi interni che di per sé consentono alle Istituzioni di governare meglio le proprie attività. I termini già rivisti potranno comunque essere ulteriormente prorogati se il quadro regolamentare di riferimento all'interno del quale deve operare Anvur dovesse modificarsi», concludono i componenti del consiglio direttivo.