FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3935633
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Cattedre superiori: il Consiglio di Stato apre le porte ai 'dottori di ricerca'

Cattedre superiori: il Consiglio di Stato apre le porte ai 'dottori di ricerca'

Il concorso per 63mila posti non consentiva l'accesso a questa categoria accademica considerata idonea solo per le supplenze. Durante le udienze è stato scoperto che hanno crediti formativi tre volte superiori a quelli di chi ha l'abilitazione all'insegnamento. La Giustizia amministrativa ha equiparato il titolo

08/11/2016
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

Salvo Intravaia

ROMA - Scuole medie e superiori: al concorso per la cattedra si può accedere anche con il titolo di 'dottore di ricerca', e non solo con quello di 'abilitazione all'insegnamento'. Lo ha deciso la Giustizia amministrativa (Tar e Consiglio di Stato) esaminando i ricorsi presentati da 35 candidati al bando del concorso per 63712 cattedre pubblicato quest'anno che era chiuso ai 'dottori di ricerca'.

È la prima volta che il titolo accademico di 'dottore di ricerca' - equiparato a quello che dà l’abilitazione all’insegnamento - apre le porte a un concorso per una cattedra. Questa innovativa decisione dei giudici amministrativi, oltre a essere destinata a far discutere il mondo accademico, rischia di creare un nuovo ostacolo al 'concorsone' bandito nel 2016 (165mila partecipanti), il cui iter sta procedendo a passo di lumaca. In questo primo anno, infatti, le assunzioni (che riguardano il triennio 2016-2018), sono state finora pochissime. E non sono mancati i problemi.

La sorpresa: più 'titolati' i 'dottori di ricerca'. I crediti formativi universitari di un 'dottore di ricerca' sono tre volte superiori (145 contro 45) di quelli necessari per avere il Pas, il Percorso abilitante speciale. Nonostante questo, i 'dottori di ricerca' non solo non hanno accesso al concorso nazionale per le cattedre. Ma sono considerati dal Miur idonei appena per una supplenza, la cosiddetta terza fascia. La scoperta è stata fatta dallo studio legale Delia-Bonetti durante la causa giudiziaria. I magistrati della Giustizia amministrativa si sono resi conto dell'incongruenza e hanno equiparato i due titoli, equiparazione che al momento riguarda solamente i candidati che hanno deciso di rivolgersi alla giustizia amministrativa.

Due gli iter giudiziari. I ricorsi sono stati di due tipi. Il primo ha avuto un iter travagliato, quasi kafkiano e riguarda cinque candidati che si sono rivolti al Tar prima che scadessero i termini. Il Tar Lazio li ha ammessi con riserva, ma, dopo che hanno vinto il concorso, li ha esclusi. I cinque 'dottori di ricerca' si sono poi rivolti al Consiglio di Stato, ottenendo la riammissione in graduatoria, e dunque l'assunzione. 

Il secondo ricorso. Altri 30 candidati si erano rivolti al Tar Lazio dopo la data ultima di presentazione della domanda di partecipazione. E i giudici non li avevano ammessi. Quindi anche loro hanno deciso di presentare
appello. Questa situazione è particolarmente complessa: in attesa del giudizio di merito dei giudici di secondo grado, che ne sarà di loro? Secondo il legale Santi Delia, "il ministero dell’Istruzione dovrà predisporre prove suppletive”.

La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL