FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3947901
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Atenei sempre più selettivi in 2 su 5 si entra con il test

Atenei sempre più selettivi in 2 su 5 si entra con il test

Il problema non riguarda solo gli studenti che vogliono iscriversi a uno dei corsi a numero programmato previsti dalla legge (medicina e odontoiatria, veterinaria e architettura), ma anche i corsi a numero chiuso, stabiliti dalle singole università

15/07/2018
Decrease text size Increase text size
Il Messaggero

Gli esami non finiscono mai. Lo sanno bene gli studenti che, archiviata la maturità da pochi giorni, ora devono già pensare al test di ingresso per l'università. E non sono pochi: due corsi su 5 infatti, in Italia, sono a numero chiuso. Una realtà che riguarda quindi migliaia di ragazzi, visto che l'accesso all'università si fa sempre più selettivo di anno in anno. Il problema non riguarda solo gli studenti che vogliono iscriversi a uno dei corsi a numero programmato previsti dalla legge (medicina e odontoiatria, veterinaria e architettura), ma anche i corsi a numero chiuso, stabiliti dalle singole università. Sono due realtà ben distinte. Il numero programmato, stabilito dalla legge 264/99 Norme in materia di accesso ai corsi universitari che indica quali sono i corsi chiusi a livello nazionale e quali sono le sedi: dei 4441 corsi di studio totali, sono a numero programmato 720 corsi, vale a dire il 16,2%. Quest'anno, rispetto al passato, i posti messi a bando sono aumentati: in particolare, per l'anno accademico 2018-2019, sono previsti 9.779 posti per Medicina contro i 9.100 dello scorso anno, 1.096 posti per Odontoiatria contro i 908 nel 2017, 759 per Veterinaria contro 655 di un anno fa e 7.211 per Architettura contro i 6.873 del 2017. Una speranza in più per tutti coloro che, ogni anno, tentano il test sapendo che per medicina, ad esempio, entra solo un candidato su 6. 
IN AUMENTOOltre all'accesso programmato dal ministero dell'istruzione anno per anno, sono in aumento le università che decidono di porre il numero chiuso ai loro corsi, a livello locale, perché non hanno i docenti necessari e le strutture adeguate. Accade soprattutto per facoltà tecniche o scientifiche per le quali, ad esempio, è necessaria una buona dose di ore in laboratorio come biologia, farmacia e scienze. Il calcolo dei corsi a numero chiuso attivati in Italia, in aumento rispetto al passato, viene riportato nel dettaglio dal rapporto sulla condizione studentesca, approvato all'unanimità dal Cnsu, il Consiglio nazionale degli studenti universitari: i corsi a numero chiuso sono passati dai 919 del 2013 ai 972 del 2017, si tratta del 21,9% del totale. Uno su 5, quindi, è blindato e prevede una selezione iniziale. Se a questi si aggiungono anche i 720 ad accesso programmato a livello nazionale, resta libero solo il 61,9 % dei corsi universitari. Il test di ingresso quindi è stato inserito quasi nel 40% dei corsi di laurea. Due su cinque.
Sulla questione dei test di ingresso è intervenuto anche il ministro all'istruzione Bussetti, presentando le linee programmatiche in audizione davanti alle Commissioni Cultura di Camera e Senato: «Approfondirò la revisione del sistema di accesso ai corsi a numero programmato attraverso l'adozione di un modello che assicuri procedure idonee a orientare gli studenti verso le loro effettive attitudini. Da uomo di scuola auspico che un numero sempre maggiore di studenti, dopo gli istituti superiori, possa accedere alla formazione universitaria o all'alta formazione artistica musicale e coreutica. Durante questo mio mandato - ha aggiunto - farò in modo di poter ampliare la platea di studenti beneficiari dell'esenzione totale del pagamento delle tasse di iscrizione rendendo più agevole poter accedere alla No Tax area e verificherò la possibilità di stabilizzare il Fondo integrativo statale per la concessione da parte delle Regioni di borse di studio per gli studenti meritevoli ma privi di mezzi. Mi auguro che si possano poi semplificare le procedure amministrative necessarie all'erogazione delle borse di studio».
LE CAUSEIntanto per gli studenti la battaglia va avanti in tribunale: non mancano infatti i casi in cui i criteri utilizzati dai singoli atenei per adottare il numero programmato sono stati contestati tanto che il Tribunale amministrativo regionale del Lazio è stato più volte chiamato a pronunciarsi con esiti anche positivi per gli studenti. Tra i criteri più contestati, con cui le università introducono il numero chiuso, c'è il rapporto numerico tra docenti e studenti. Nel settembre 2017 ad esempio è stato ritirato l'accesso programmato ai corsi di laurea di area umanistica dell'Università Statale di Milano: il Tar del Lazio ha infatti sospeso il test in programma per le facoltà umanistiche. L'ateneo, che avrebbe potuto rivolgersi al Consiglio di Stato, ha poi rinunciato del tutto visto che comunque l'anno accademico doveva iniziare giorni. 
Lorena Loiacono


Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
Seguici su facebook